ONU respinge appello del Pakistan per intervento sul Kashmir

Tempo di lettura: 1 minuto

Il delle Antonio Gutteres giovedì ha indicato che la disputa sul Kashmir deve essere risolta bilateralmente in conformità con l’accordo di Shimla del 1972 e con mezzi pacifici in conformità con la carta delle , secondo un portavoce dell’ .

Il riferimento all’accordo di Shimla in questo contesto è raro e significativo, secondo le persone che hanno familiarità con queste discussioni, in quanto fornisce il quadro per la risoluzione bilaterale della , che è un rifiuto in un modo per i tentativi del di cercare l’intervento delle Nazioni Unite.

“Il Segretario generale ricorda inoltre l’accordo del 1972 sulle relazioni bilaterali tra e Pakistan, noto anche come Accordo di Simla, che stabilisce che lo status finale di Jammu e Kashmir deve essere stabilito con mezzi pacifici, in conformità con la Carta del Nazioni Unite “, ha detto in una nota il portavoce di Gutteres.

Il segretario generale era “preoccupato per le notizie di restrizioni sul lato indiano del Kashmir, che potrebbero esacerbare la situazione dei nella regione”, ha aggiunto il portavoce, e ha invitato tutte le parti a “astenersi dal prendere misure che potrebbero influenzare lo status di Jammu e Kashmir ”, che era un riferimento, secondo le persone citate sopra, allo“ status finale ”, e non al cambiamento dello stato dello stato in quello di un territorio dell’Unione.

Il Pakistan aveva cercato l’intervento dell’ONU e del delle Nazioni Unite in lettere a Gutteres, ma sembra non aver raggiunto i suoi obiettivi.

Fonte
hindustantimes.com