OMS, Le prigioni europee non riescono a monitorare la salute dei detenuti

Tempo di lettura: 1 minuto

Le autorità penitenziarie in non stanno facendo abbastanza per monitorare la dei detenuti, il che significa che i prigionieri hanno maggiori probabilità di subire condizioni non curate e vengono rilasciati senza un adeguato sostegno, ha affermato l’Organizzazione mondiale della sanità.

Le autorità penitenziarie in Europa non stanno facendo abbastanza per monitorare la salute dei detenuti, il che significa che i prigionieri hanno maggiori probabilità di subire condizioni non curate e vengono rilasciati senza un adeguato sostegno, ha affermato l’Organizzazione mondiale della sanità.

L’organismo delle Nazioni Unite ha avvertito che tali carenze comporteranno un “costo elevato” per la società in generale, poiché si aggiungono al carico di .

L’OMS ha raccolto i dati di 39 tra il 2016 e il 2017 e ha raccomandato che le carceri testino la tubercolosi, le malattie a trasmissione sessuale, i problemi di e le dipendenze.

L’OMS ha affermato che ciò significa che la cura durante la fase di transizione è “critica”.

Il rapporto ha rilevato che il 13,5 percento delle morti in carcere sono state causate da suicidio e che il 14 percento degli stati dell’UE non vaglia i gravi disturbi di salute mentale all’arrivo in prigione.

OMS press Office