OMS, Il giuramento di Ippocrate aggiornato al 2019

Tempo di lettura: 2 minuti

Nel 2019, il è stato nuovamente modificato, a seguito delle crescenti pressioni dei della , per richiedere “la protezione dell’ambiente che ci sostiene”. Ciò ha ulteriormente ampliato il focus dell’assistenza dall’individuo, alla comunità e all’ecosistema.

La dott.ssa Margaret Chan dell’OMS ha dichiarato nel 2008 “Di fronte a questa sfida, l’OMS è impegnata a fare tutto il possibile per garantire che tutto sia fatto per proteggere la salute umana dai cambiamenti climatici”

Giuro di adempiere, al meglio delle mie capacità e del mio giudizio, questa alleanza:

Rispetterò le conquiste scientifiche conquistate a fatica di quei medici nei cui passi cammino e condividerò volentieri le conoscenze che sono mie con coloro che devono seguire.

Applicherò, a beneficio dei malati, tutte le misure [necessarie], evitando quelle trappole gemelle di trattamento eccessivo e nichilismo terapeutico .

Ricorderò che c’è arte per la e per la scienza e che il calore, la simpatia e la comprensione possono superare il coltello del chirurgo o la droga del chimico.

Non mi vergognerò di dire “Non lo so”, né fallirò nel chiamare i miei colleghi quando saranno necessarie le competenze di un altro per il recupero di un paziente.

Rispetterò la privacy dei miei pazienti, poiché i loro problemi non mi sono stati resi noti al mondo. Soprattutto devo camminare con cura in materia di vita o di morte. Se mi viene dato per salvare una vita, tutto grazie. Ma può anche essere in mio potere prendere una vita; questa tremenda responsabilità deve essere affrontata con grande umiltà e consapevolezza della mia fragilità. Soprattutto, non devo giocare a Dio.

Ricorderò che non tratto un diagramma della febbre, una crescita cancerosa, ma un essere umano malato, la cui malattia può influenzare la famiglia e la stabilità economica della persona. La mia responsabilità include questi problemi correlati, se devo occuparmi adeguatamente dei malati.

Prevenirò le malattie ogni volta che posso, perché è preferibile curare la prevenzione.

Proteggerò l’ambiente che ci sostiene, nella consapevolezza che la salute continua di noi stessi e delle nostre società dipende da un pianeta sano.

Ricorderò che rimango un membro della società, con obblighi speciali verso tutti i miei simili, quei suoni della mente e del corpo e gli infermi.

Se non violo questo giuramento, posso godermi la vita e l’arte, rispettato mentre vivo e ricordato con affetto in seguito. Possa agire sempre in modo da preservare le migliori tradizioni della mia chiamata e posso provare a lungo la gioia di guarire coloro che cercano il mio aiuto.

Non esiste una punizione diretta per aver infranto il giuramento di Ippocrate, sebbene un equivalente discutibile nei tempi moderni sia la negligenza medica che comporta una vasta gamma di punizioni, dall’azione legale alle sanzioni civili.

Fonte
wikipedia.org