OceanOne, un robot umanoide subacqueo bimanuale con feedback tattile

Tempo di lettura: 1 minuto

Ocean One è nato dalla necessità di studiare le coralline nel profondo del Mar Rosso, molto al di sotto della gamma confortevole di subacquei umani. Nessun robotizzato esistente potrebbe immergersi con l’abilità e la cura di un subacqueo umano. Ocean One consente a chi lo piloterà in remoto, una capacità senza precedenti di esplorare le profondità degli in alta fedeltà.

In collaborazione con DRASSM, Ocean One si è imbarcato sull’Andre Malraux per esplorare il relitto di La Lune, a 100 metri sotto il Mediterraneo.

L’ammiraglia del re Luigi XIV era affondata qui, a 20 miglia al largo della costa meridionale della Francia, nel 1664, e nessun essere umano aveva esplorato le sue rovine – o gli innumerevoli tesori e manufatti della nave che una volta trasportava – nei secoli successivi al naufragio.

Il 15 aprile, Ocean One recuperò un vaso di dimensioni di pompelmo e lo restituì al ponte della nave per l’eccitazione degli , ingegneri, e che si affollavano intorno a lui.

La spedizione a La Lune è stato il viaggio inaugurale di OceanOne e, basandosi sul suo incredibile successo, si spera che un giorno il robot svolga compiti subacquei altamente qualificati, troppo pericolosi per i subacquei umani, e apra un intero nuovo regno di oceanica.

Fonte