Nove civili, incluso un leader politico, sono stati uccisi a colpi d’arma dalle forze filo-turche in Siria.

Tempo di lettura: 1 minuto

I combattenti pro- che prendono parte a un’offensiva turca nella nord-orientale hanno “giustiziato” un curdo sabato, affermano le forze nella zona.

, 35 anni, è stato “tirato fuori dalla sua auto durante un attacco sostenuto dalla Turchia e giustiziato da fazioni mercenarie sostenute dalla Turchia”, ha dichiarato il braccio politico delle forze democratiche siriane a guida curda (SDF).

Era presumibilmente una dei nove civili che furono giustiziati in tempi diversi a sud della città di Tal Abyad.

Khalaf era la segretaria generale del Future Party.

Mutlu Civiroglu, specialista in politica curda, ha descritto la sua morte come una “grande perdita”.

“Aveva un talento per la diplomazia, partecipava sempre agli incontri con gli americani, i francesi, le delegazioni straniere”.

La Turchia e i suoi combattenti alleati hanno iniziato l’offensiva mercoledì per respingere le sue unità di protezione dei popoli (YPG), la spina dorsale della SDF, dal suo confine.

I combattenti alleati sono ex ribelli che una volta hanno combattuto contro il regime del presidente Bashar al-.

Ma il conflitto si è trasformato dall’eruzione nel 2011 e queste fazioni ora ricevono formazione e finanziamenti da Ankara.

Fonti
twitter.com
sbs.com.au
thenational.ae


Foto per gentile concessione dell’autore.