Tempo di lettura: 1 minuto

La dichiarazione Nostra aetate (letteralmente, Nel nostro tempo) è uno dei documenti del Concilio Vaticano II. Pubblicata il 28 ottobre 1965, tratta del senso religioso e dei rapporti tra la Chiesa cattolica e le religioni non-cristiane. La prima bozza, denominata Decretum de Judaeis (letteralmente, Decreto sugli Ebrei) fu completata nel novembre 1961.
La dichiarazione è un documento piuttosto breve, composto di cinque punti:
un’introduzione;
il riconoscimento del senso religioso nella vita di ciascun uomo;
la stima riservata alle genti dell’islam;
il vincolo che lega il Cristianesimo all’ebraismo;
il principio della fratellanza universale e dell’amore. Nell’introduzione della dichiarazione, la Chiesa cattolica si pone il problema del suo rapporto con le altre religioni non cristiane. Afferma che tutto il genere umano è originato da Dio, il cui disegno di salvezza si estende a tutti; tutte le religioni hanno in comune la ricerca di risposte agli interrogativi dell’uomo.

(testo estratto da Wikipedia)