Noli me tangere? Messa solo con guanti e mascherine?

Tempo di lettura: 2 minuti

Il Concordato del 1985 dice chiaramente che “è assicurata alla chiesa la libertà di organizzazione, di pubblico esercizio del culto, di esercizio del magistero…”, ma al tempo del , qualcuno ha deciso il Tertium non datur.

I fatti sono questi: COVID-19 è una vera e propria che fa ammalare alcuni, si rivela fatale per altri, soprattutto per gli anziani – e non fa nulla alla stragrande maggioranza delle persone.

Lo affermano centinaia di vescovi in tutto il mondo che in questi giorni stanno firmando un appello al Papa che si svegli dal torpore invernale e inizi una Primavera nuova, più sana e libera.

Dan Erickson e Artin Massih, medici e co-proprietari della Accelerated Urgent Care a Bakersfield, California, hanno detto: Se non conosci il nemico stai rintanato, ma prima o poi ti verranno a prendere. Se conosci il nemico affrontalo.

Nella comunità medica in vari paesi si comincia a mettere in evidenza le omissioni di logica e di fatto che hanno afflitto questa lotta contro il .

In America c’è chi, tra i medici, inizia a parlare e dire che…’La vera causa di morte? Non è stata il COVID, ma viene riportata come uno dei fattori di malattia. Non li ha uccisi il COVID, ma la intossicazione interna (malattie pregresse da farmaci, tabacco, droga, ecc.)…tutti, bambini, adulti, anziani”.

Nel contempo in Italia è arrivato il per la celebrazione, dal 18 maggio 2020, delle messe cum populo.

Il testo, predisposto dalla e approvato dal Comitato Tecnico-Scientifico, potremmo paragonarlo, se solo non fosse così enormemente ridicolo (oltre che offensivo per la libertà della Chiesa), ai decreti di Giuseppe II, l’imperatore sagrestano, che pure rivendicava il diritto di decidere sulla lunghezza dei ceri.

Comunione in mano, distanziamento da uno a un metro e mezzo ed oltre (a secondo delle ordinanze di regioni e comuni), accessi contingentati, gel e , ecc. No canti…e no coro…

Invitiamo nel leggere il testo del protocollo che riprendiamo dal sito ufficiale della Conferenza Episcopale Italiana.