Nissan insegna ai robot a realizzare pezzi di ricambio per automobili

Tempo di lettura: 2 minuti

ha sviluppato un nuovo modo di utilizzare i per produrre parti di automobili in lamiera d’acciaio, una svolta che potrebbe rendere le parti di ricambio per i modelli fuori produzione più ampiamente disponibili per i clienti. spera di commercializzare la tecnica proprietaria, nota come formatura senza fondo a doppia faccia. La tecnica prevede due robot sincronizzati che lavorano dai lati opposti di una lamiera di acciaio, utilizzando strumenti con rivestimento diamantato per modellare gradualmente l’acciaio.

Grazie alla sua produzione flessibile, ai brevi tempi di consegna e ai costi iniziali minimi, la nuova tecnica potrebbe rendere commercialmente fattibile produrre e vendere una vasta gamma di pezzi di ricambio e post-vendita in piccoli volumi per automobili che Nissan non produce più. In precedenza ciò non era possibile a causa degli elevati costi iniziali e dei lunghi tempi di realizzazione e sviluppo di stampi per pezzi stampati.

Fino ad ora, la formazione di dieless a doppia faccia era stata considerata troppo difficile da commercializzare. Ciò era dovuto alla complessità della di due robot per operare in modo sincrono garantendo una qualità costante.

Le tecniche esistenti si basano principalmente sulla formatura su un solo lato, che limita la complessità delle forme che possono essere create. Posizionando robot e strumenti sui lati opposti di una lamiera di acciaio, possono creare forme più difficili e dettagliate.

Lo sviluppo di programmi avanzati in grado di controllare entrambi i robot con un elevato grado di precisione dimensionale, consentendo la formazione di forme convesse e concave dettagliate

L’applicazione di un rivestimento diamantato a specchio agli strumenti, riducendo l’attrito ed eliminando la necessità di lubrificazione . Ciò comporta numerosi vantaggi, tra cui la coerenza della qualità della superficie e un funzionamento a basso costo e rispettoso dell’ambiente.

La generazione di logiche ottimizzate per l’individuazione di percorsi per robot, attingendo all’ampia esperienza e alle tecniche di simulazione di pressatura normalmente utilizzate dai team di ingegneri di produzione di Nissan. Ciò ha consentito a Nissan di ottenere risultati di alta qualità nelle prime fasi del processo di sviluppo.

Nissan prevede di continuare a perseguire progressi nella produzione di massa dedicando al contempo risorse di a perfezionare le sue tecniche di produzione flessibili a basso volume.

Fonte:
Steelgur – Istituto strategico di Ricerca