Nissan ha annunciato tagli di 12.500 posti lavoro

Tempo di lettura: 1 minuto

Il Tokyo si è aperto questa settimana con molte futuristiche presenti. Tra i partecipanti stranieri più cospicui c’era la francese Renault SA, partner dell’alleanza di . Assenti le case automobilistiche americane come General Motors Co. e Ford Motor Co., che hanno scarse vendite in Giappone.

Il nuovo CEO di Nissan, con sede a Yokohama, Makoto Uchida, e il suo predecessore Hiroto Saikawa, che si è dimesso il mese scorso per i suoi scandali finanziari, non sono apparsi alla presentazione dei media.

I funzionari di Nissan hanno dichiarato che Uchida non ha assunto ufficialmente il suo incarico ed è ancora responsabile della cinese di Nissan. Il suo successore non è ancora stato scelto ed è poco chiaro se tutto ciò sarà fatto entro quest’anno, hanno detto i portavoce.

Intanto Nissan ha annunciato che sta tagliando 12.500 posti di , ovvero circa il 9% della sua forza globale, per ridurre i costi e ottenere un’inversione di tendenza. Questa azione, secondo gli analisti, è tardiva, in quanto il rimpasto della sua e le misure per rafforzare la sua governance non otterranno a breve termine alcun effetto positivo.

Infatti, tali problemi seri, sono segnali negativi a manager e dipendenti all’interno di un’azienda che produce di qualità non ottimale come un tempo, minando i profitti in un mercato competitivo, ha affermato Cindy Schipani, professore di diritto commerciale e governance all’università del Michigan.

Fonte