Nilo, Disputa sulla diga: Abiy Ahmed incontrerà Abdel Fattah El Sisi in Russia

Tempo di lettura: 4 minuti

Il presidente egiziano Abdel Fattah El Sisi ha detto che spera che le differenze con l’Etiopia sulla riduzione della quota di acqua del Nilo nel suo paese vengano risolte quando parla con il primo ministro Abiy Ahmed in Russia.

El Sisi non ha dato la data esatta per i colloqui né ha spiegato perché l’incontro è in Russia, ma i due leader sono programmati per partecipare a un summit nella località di Sochi, nel Mar Nero, il 23 e 24 ottobre.

I due hanno parlato venerdì quando il leader egiziano si è congratulato con il signor Abiy per aver vinto il premio Nobel per la pace.

I due leader hanno anche discusso dello stato di avanzamento delle trattative concluse sulla Grande diga del Rinascimento, il cui riempimento ridurrà la quota egiziana di acqua del Nilo.

Il Cairo ha detto che i colloqui hanno raggiunto un punto morto e che voleva che un partito esterno mediasse nella disputa, una richiesta respinta dagli etiopi come prematura.

La diga etiope è costruita sul Nilo azzurro, che rappresenta circa l’85% delle acque del Nilo, ma solo il 65% delle acque raggiunge l’Egitto.

Il Nilo azzurro e il Nilo bianco si incontrano vicino a Khartum per diventare il fiume Nilo, che scorre a valle attraverso il deserto del Sudan settentrionale e in Egitto, fino al Mar Mediterraneo.

L’Egitto, con 100 milioni di persone, è lo stato arabo più popoloso. È allarmato che la diga, che inizierà a funzionare il prossimo anno, ridurrà significativamente la sua quota di acqua quando viene riempito un serbatoio dietro di essa.

Per lo più deserto e in base al fiume per la maggior parte delle sue esigenze idriche, l’Egitto ha riconosciuto pubblicamente l’importanza della diga per lo sviluppo dell’Etiopia, ma sostiene che la cooperazione potrebbe ridurre il danno atteso a livelli accettabili.

Vuole che il riempimento del serbatoio sia scaglionato per sette anni.

Addis Abeba ha concordato un periodo da quattro a sette anni, ma è anche in contrasto con il Cairo su quanta acqua dovrebbe rilasciare al momento della siccità prolungata.

L’Etiopia considera la diga idroelettrica essenziale per il suo sviluppo.

La diga è diventata anche un simbolo di orgoglio nazionale in un momento in cui gli etiopi, come molti in altre nazioni del bacino del Nilo, ritengono che l’Egitto abbia ricevuto ingiustificatamente la maggior parte dell’acqua del fiume – 55 miliardi di metri cubi annuali – per troppo tempo.

“Ci incontreremo e, a Dio piacendo, le cose andranno in un modo che ci consente di risolvere il problema in un modo o nell’altro”, ha affermato El Sisi.

Domenica ha ripetuto la sua affermazione secondo cui il tumulto politico e la violenza in Egitto dopo una rivolta popolare del 2011 hanno incoraggiato l’Etiopia a costruire la diga senza consultare il Cairo.

“Se non fosse stato per il 2011 avremmo avuto un solido accordo sulla diga”, ha affermato El Sisi.

Ha detto che l’Egitto dovrebbe essere più attento “andando avanti”.
Ha sollevato la disputa con l’Etiopia prima dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite il mese scorso. Domenica ha detto che l’azione militare non era un’opzione.

“I problemi vengono risolti in modo silenzioso e attraverso il dialogo”, ha affermato El Sisi. “L’Egitto non è una nazione aggressiva e non si intromette negli affari interni degli altri.

“Quando l’Egitto è in contrasto con altre nazioni, non intraprende azioni negative contro di loro”.

Stava rispondendo alle chiamate di alcuni influencer social media pro-governo che l’Egitto avrebbe dovuto ricorrere ad azioni militari per risolvere la disputa sulla diga.

El Sisi ha dichiarato che il suo governo sta introducendo piani di emergenza per compensare eventuali carenze nella sua quota di acqua sul Nilo.

Ha detto che l’Egitto aveva costruito o stava costruendo impianti di desalinizzazione per soddisfare le esigenze delle comunità sul Mar Rosso e sulla costa mediterranea. Ha anche parlato del riciclaggio dell’acqua attraverso le stazioni di trattamento.

L’Egitto ha speso finora 200 miliardi di sterline (Dh45,1 miliardi) per questi progetti e avrebbe speso altri 100 miliardi l’anno prossimo in un piano che si estenderà fino al 2037, ha affermato El Sisi.

“La quantità di acqua a nostra disposizione ora è inadeguata dalle misurazioni internazionali. Siamo entrati nella fase della povertà idrica “.

Fonte
thenational.ae

Notes
La diga di Assuan è una diga nel sud dell’Egitto e si chiama “es-Sadd el-Ali”. Si trova a circa 13 km a monte della città di Assuan e dighe il Nilo in un serbatoio, il Nassersee. Il lago Nasser ha una capacità fino a 169 chilometri cubi di acqua ed è il terzo lago più grande del mondo.

A cosa serve la diga di Assuan?
In origine, la diga fu costruita per compensare la siccità dell’Egitto, che spesso provocò un diffuso prosciugamento dei campi. Ma la diga dovrebbe proteggere dai danni delle alluvioni. Le altre destinazioni per la diga di Assuan sono:

Garantire l’approvvigionamento di acqua potabile
Espansione dei terreni agricoli (per irrigazione)
Migliore navigabilità del Nilo
Costruire nuove industrie
generazione di energia
La diga di Assuan ospita una centrale idroelettrica, che dispone di 12 turbine con una capacità totale di 2100 megawatt. Qui viene generata elettricità, che viene instradata al Cairo. Complessivamente, la quota della centrale elettrica della generazione di energia egiziana è ancora oggi del 10%.

Quali sono gli svantaggi della diga di Assuan?
Il più grande problema con la costruzione della diga era rappresentato dai monumenti minacciati dall’acqua arginata. Alcuni sono stati spostati ai livelli più alti a favore della diga. Era necessario anche il trasferimento dei contadini nubiani, con conseguenti grandi perdite di cultura nubiana. Anche la diga australiana è sottoposta a critiche per non aver portato a valle il fiume Nilo. Si temeva che quindi i terreni agricoli potessero essere spazzati via e che le fortificazioni costiere potessero essere danneggiate. Il problema, tuttavia, è stato contrastato drenando l’acqua attraverso i canali di irrigazione.

Fonte
energiequellen.net