Tempo di lettura: 1 minuto

L’AI SpaceFactory di ha recentemente conquistato il primo posto nella “Sfida centennale” della , concettualizzando, superando in astuzia e inevitabilmente sconfiggendo oltre 60 altre aziende nel corso della competizione. Il gruppo di architetti interplanetari si è assicurato la vittoria con MARSHA, un prototipo che è stato stampato in 3D utilizzando un processo robotico avanzato.

Utilizzando un composito di basalto biodegradabile derivato dal sedimento naturale di , SpaceFactory ha costruito l’intrigante sagoma verticale di MARSHA per concentrarsi sull’implementazione di bioplastiche a luce naturale, rinnovabili, a base vegetale e un ecosistema che prospera sotto le varie condizioni del pianeta marziano.

In un ambiente alieno distante 54,6 milioni di chilometri , la costruzione e i materiali devono essere interamente ripensati.

Ogni livello ha almeno 1 finestra, che, insieme, copre l’intero panorama a 360 gradi. 

La luce naturale indiretta proveniente dall’ampio lucernario pieno d’acqua e le finestre intermittenti inondano l’interno, mantenendo l’equipaggio al riparo da dannose radiazioni solari e cosmiche. 

L’illuminazione circadiana, progettata per ricreare la luce terrestre, viene impiegata per massimizzare la salute dell’equipaggio.

Il layout convenzionale delle abitazioni dell’era spaziale concettuale ha, in questo specifico caso, una struttura sfaccettata che offre vari servizi, tra cui una scala illuminata e di archiviazione complesse per i suoi abitanti ‘alieni’.

Fonte