[Mondo] Le fondamenta ecologiche della società sono in pericolo

Biodiversità

Tempo di lettura: 1 minuto

Le attività umane stanno degradando l’ globale a un ritmo che potrebbe mettere in pericolo le “fondamenta ecologiche della società” e la salute umana, secondo un importante rapporto delle . Il rapporto di oltre 700 pagine è il sesto Global Environment Outlook più completo delle sullo stato dell’ambiente globale, dalla quinta edizione del 2012. Più di 250 scienziati ed esperti provenienti da oltre 70 paesi hanno contribuito alla valutazione.

L’immagine non è del tutto triste e negativa: gli autori sottolineano che abbiamo la scienza, la tecnologia e il denaro per proteggere l’ambiente, sostenendo i circa 10 miliardi di persone che popoleranno la , entro il 2050. Affrontare il è una priorità assoluta.

Il cambiamento climatico non è l’unica crisi ambientale che si manifesta a causa dell’attività umana, che la relazione sollecita a intervenire. L’ atmosferico rimane un grave problema di , come principale contributo ambientale alle in tutto il . Anche i tassi di estinzione delle continuano ad aumentare a un ritmo che potrebbe compromettere la capacità della Terra di soddisfare i bisogni umani, afferma il rapporto.

Tra gli invertebrati, il 42% degli abitanti della terra, il 34% delle specie di acqua dolce e il 25% delle specie marine sono a rischio di estinzione. Il quadro è anche desolante per i vertebrati: tra il 1970 e il 2014, il numero totale delle popolazioni di specie è diminuito in media del 60%.

Gli autori descrivono inoltre come l’alimentazione della crescente popolazione umana rimanga una sfida che sta mettendo a dura prova l’ambiente. Ma riducendo gli sprechi alimentari e mangiando meno , possiamo alleviare la necessità di produrre il 50% in più di per nutrire tra i 9 ed i 10 miliardi di persone che ci si aspetta vivranno sul pianeta, entro il 2050.

Fonte