Migliaia di donne iraniane guardano la partita di calcio per la prima volta

Tempo di lettura: 2 minuti

Più di 3.000 iraniane si sono infilate in una sezione speciale di uno stadio di per assistere a una qualificazione ai Mondiali contro la , dopo che gli è stato permesso di acquistare i biglietti delle partite per la prima volta in quattro decenni.

Gli attivisti della Fifa e dei hanno aumentato la pressione sulle autorità sportive iraniane per far entrare in gioco le donne dopo la morte di un fan il mese scorso .

Sahar Khodayari, 29 anni, si è data fuoco in uno stadio dopo aver appreso che avrebbe dovuto affrontare sei mesi di prigione per aver tentato di intrufolarsi in una partita, apparentemente travestita da uomo.

A parte alcuni gruppi simbolici in tre partite internazionali, le donne sono state in gran parte bandite dalle partite dalla rivoluzione del 1979.

I biglietti per la partita Iran-Cambogia di giovedì sono esauriti in pochi minuti, anche dopo che le autorità hanno quadruplicato il numero in vendita . Quelli abbastanza fortunati da ottenere i biglietti includevano un giornalista sportivo che diceva che stava tremando per l’eccitazione .

Era ancora una disposizione scarsa, che rappresentava meno del 5% dei posti nello stadio Azadi (“Freedom”) da 78.000 posti. Il filmato della partita mostrava che gli stand maschili erano per lo più vuoti.

La piccola sezione femminile era piena di donne drappeggiate o che sventolavano la bandiera nazionale, alcune indossavano il viso dipinto e le parrucche in rosso, bianco e verde dell’Iran.

Dalla rivoluzione islamica, l’accesso allo stadio per le donne è stato estremamente raro e molto limitato. Questa è la prima volta che i biglietti sono in vendita al pubblico.

Circa 20 donne irlandesi hanno partecipato a una qualificazione ai Mondiali nel 2001, e quattro anni dopo alcune dozzine di donne iraniane sono state autorizzate a vedere la squadra nazionale giocare in .

Lo scorso ottobre, circa 100 donne iraniane “raccolte a mano” sono entrate ad Azadi per un’amichevole contro la . Ma il giorno dopo il procuratore generale ha avvertito che non ci sarebbe alcuna ripetizione, dicendo che avrebbe “portato al peccato”.

Fonte
Theguardian.com