Messico, Asta gioelli narcos

Tempo di lettura: 2 minuti

Decine di preziosi gioielli sequestrati al narcotraffico sono stati messi all’asta a Citta’ del : e’ la terza di questo genere, organizzata dal governo del presidente Andre’s Manuel Lopez Obrador per generare risorse da distribuire alle fasce piu’ povere della popolazione.

Questa iniziativa, definita “in stile Robin Hood” dallo stesso capo dello Stato in occasione dell’inaugurazione dell’Istituto per restituire al popolo i beni rubati, e’ stata realizzata nel Complesso culturale Los Pinos, gia’ residenza presidenziale, ed ha fruttato 10,3 milioni di pesos (485.000 euro), ma solo la meta’ di quanto le autorita’ speravano di ottenere.

E’ probabile infatti che l’origine dei gioielli offerti – sequestrati a temibili – abbia intimorito i potenziali compratori per possibili ritorsioni, al punto che soltanto 70 persone, sulle circa 300 attese, hanno partecipato all’asta, lasciando invenduti 38 articoli.

Fra questi, anche il ‘gioiello della corona’ rappresentato da un orologio Piaget da uomo con oltre 200 diamanti, che aveva un prezzo base di 140.000 euro, che nessuno ha offerto.

Gli acquirenti, per lo piu’ commercianti, hanno comunque fatto discreti affari assicurandosi collane, orecchini, anelli, oggetti in di vario tipo, ed , fra cui un Patek & Philippe di bianco 18 carati, edizione limitata, venduto a 48.000 euro.

Fra le curiosita’ acquistate, un orologio da uomo Romain Jerome modello ‘Moon Dust DNA’ con il quadrante realizzato con un pezzo di metallo del Titanic, e contenente polvere recuperata dalla prima navicella che tocco’ il suolo lunare.

Al termine dell’asta Ricardo Rodriguez Vargas, direttore del Servizio dell’amministrazione e alienazione dei beni, ha reso noto che il denaro raccolto sara’ utilizzato per la costruzione di strade nei villaggi al confine fra gli Stati messicani di Michoacan e Colima.

In precedenza il governo aveva organizzato altre due aste, una di automobili di lusso e un’altra di appartamenti e ville, i cui proventi sono stati assegnati ai municipi piu’ poveri degli Stati di Oaxaca e Guerrero.

ADUC