Tempo di lettura: 1 minuto

Mercedes-Benz150
Nel 1935, la 150 venne offerta unicamente con carrozzeria roadster. Era derivata da una coupé assai profilata, realizzata sulla base della 130.
Tale coupé, che era denominata come sport-limousine, era stata utilizzata nel 1934 per una gara tenutasi in quell’anno in Germania. Tale modello da gara montava una versione elaborata del 1.3 utilizzato su strada e portato ad 1.5 litri, con in più l’aggiunta della distribuzione a valvole in testa con asse a camme laterale, aste e bilancieri. Tale motore, denominato M23, erogava 55 CV di potenza massima e venne montato anche sulla 150 roadster di serie, la quale riuscì a raggiungere una velocità massima di 125 km/h.
In realtà, nonostante l’aspetto accattivante e le ottime prestazioni (per l’epoca), la 150 si dimostrò poco pratica, perché se il motore era sistemato posteriormente, il serbatoio venne spostato davanti, rubando quindi moltissimo spazio altrimenti destinato ai bagagli. Inoltre, la vettura era troppo costosa per la fascia di mercato cui era destinata.
Perciò, anche in questo caso, la vettura riscosse uno scarso successo di vendite. In circa un anno ne furono prodotti unicamente 20 esemplari più 6 roadster da gara.
Anche la 150, come la 130 non recava ufficialmente la lettera “H” finale, nonostante molte fonti la indichino come “150H”. Ma in questo caso è esistita anche una 150V, dotata dello stesso motore ma posto anteriormente, prodotta in piccola serie ed anch’essa priva di successo.
Considerata poco più che un prototipo, la 150V non è mai stata inclusa nella lista dei modelli Mercedes-Benz ufficialmente posti in commercio, quanto piuttosto in quelli sperimentali. Per questo motivo, quella che spesso viene chiamata 150H è in realtà denominata 150.
Fonte: Wikipedia