Mar Nero, Esercitazioni militari russe

Tempo di lettura: 2 minuti

La , tra il 24 luglio e il 19 agosto 2019, ha chiuso cinque regioni del con una superficie totale di 118.570 chilometri quadrati, più di un quarto della superficie totale del mare, presumibilmente a scopo di addestramento, riporta il portale militare ucraino.

“Le regioni menzionate chiudono effettivamente le rotte di navigazione internazionali consuete e consigliate verso Bulgaria, Georgia, Romania e , bloccando virtualmente il traffico marittimo con questi paesi”, scrive il punto vendita.

Le direttive internazionali di navigazione della Russia relative alle regioni del Mar Nero saranno in vigore fino al 19 agosto.

Non è stato specificato alcun motivo chiaro per le direttive. Alcune sezioni sono designate come territori “pericolosi” per la navigazione, altre sono chiuse per scopi di addestramento militare.

“Va notato che la Federazione Russa non ha tutte le forze di terra o marittime necessarie per chiudere una tale area nelle regioni interessate per lo svolgimento di esercitazioni militari. Manca inoltre il numero necessario di navi per controllare e chiudere le regioni interessate al fine di garantire la sicurezza del traffico marittimo, in particolare la pesca e le singole società del settore della pesca, che potrebbero non ricevere sempre le direttive pertinenti in tempo ”, osserva l’articolo.

Il portale militare ucraino afferma che queste azioni della Russia dovrebbero essere considerate “un altro atto di aggressione ibrida in mare, ora non solo contro l’Ucraina, ma anche contro altri paesi nella regione del Mar Nero”.

In precedenza, prima dell’inizio dell’esercizio Sea Breeze 2019 tra il 1 e il 12 luglio, la Russia aveva chiuso una regione di 8.000 km nel Mar Nero che includeva la posizione proposta di una delle esercitazioni internazionali che coinvolgono navi dall’Ucraina, dalla Bulgaria, dalla Romania, dalla Georgia, il Regno Unito e gli .

Una risoluzione dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite approvata il 17 dicembre 2018 in relazione alla militarizzazione russa della Crimea, del Mar Nero e del Mar d’Azov, invita la Russia a ritirare le sue truppe dalla Crimea e condanna la crescente presenza militare russa nei mari citati.

Fonti
mil.in.ua
uawire.org