Mar Bianco, Esplode missile russo con reattore nucleare

Tempo di lettura: 2 minuti

L’esplosione è avvenuta l’8 agosto durante una prova di un missile che ha usato “fonti di energia isotopica” su una piattaforma offshore nella regione di Arkhangelsk, vicino al circolo polare artico, ha detto la compagnia nucleare statale di , Rosatom, nel fine settimana.

Inizialmente il Ministero della Difesa ha riferito che due uomini sono rimasti uccisi nell’, durante test motore missilistico alimentato a liquido. Il ministero non ha menzionato l’elemento nucleare.

L’esplosione ha causato un breve picco di nella vicina città portuale di Severodvinsk, secondo una dichiarazione sul sito Web dell’amministrazione locale che è stata successivamente rimossa.

L’esercito russo ha affermato che i livelli di radiazione erano normali, ma ha rivelato alcuni dettagli sull’incidente.

La notizia dell’esplosione è scoppiata nelle città vicine e si ritiene che lo iodio aiuti a prevenire l’assorbimento delle radiazioni da parte della ghiandola tiroidea.

La ha dichiarato di aver intensificato il monitoraggio delle radiazioni dopo l’incidente, ma non ha rilevato nulla di anormale.

I venti meridionali e la grande distanza tra il confine e l’esplosione rendono improbabile che la Finlandia rilevi qualsiasi radiazione, ha detto telefonicamente Pia Vesterbacka, direttore dell’Autorità finlandese per la radiazione e la nucleare.

L’autorità non ha controllato i suoi filtri dell’aria dall’incidente, ma prevede di ottenere risultati questa settimana, ha aggiunto.

Rosatom ha rifiutato di commentare l’incidente lunedì e una portavoce dell’istituto Sarov non è stata immediatamente raggiungibile.

I media russi hanno ipotizzato che l’arma sottoposta a test fosse l’SSC-X-9 Skyfall, noto in Russia come Burevestnik, un missile da crociera a che il presidente ha presentato al mondo in un breve segmento animato durante il suo stato di indirizzo della nazione l’anno scorso.

L’incidente è avvenuto dopo una serie di enormi esplosioni all’inizio della scorsa settimana in un deposito militare siberiano che ne ha ucciso uno e ferito 13, oltre a forzare l’evacuazione di 16.500 persone dalle loro case.

La marina russa ha subito numerosi incidenti di alto profilo nel corso degli anni.

A luglio, 14 marinai sono in un incendio a bordo di un a propulsione nucleare nel Mare di in un incidente in cui i funzionari inizialmente si erano rifiutati di commentare.

Un alto funzionario navale in seguito disse che gli uomini avevano dato la vita impedendo una “catastrofe planetaria”.

Il peggior disastro navale post-sovietico della Russia si verificò anche nel Mare di Barents, quando 118 membri dell’equipaggio morirono sul sottomarino nucleare di Kursk che affondò dopo un’esplosione nell’agosto 2000.

tsargrad.tv