Londra, Brexit Backdoor Bonanza

Tempo di lettura: 2 minuti

La triste verità sull’accordo della Brexit III, elaborato tra l’attuale governo del Regno Unito e l’UE questo autunno, è che nel tentativo di rimuovere il backstop irlandese sarà istituita un’enorme struttura per il contrabbando di merci all’interno e attraverso l’ – parzialmente o totalmente a tariffa gratuita.

Il nuovo protocollo ha trovato una forma di parole che consente sia all’ del Nord di rimanere nel Regno Unito, sia di avere un confine aperto con la Repubblica irlandese. Per evitare apparentemente il contrabbando, l’articolo 5 stabilisce un processo in base al quale i tipi di merci possono essere identificati come “a di essere successivamente trasferiti nell’Unione [europea]”. Ma ci sarà anche una clausola di esclusione generale se le merci non vengono trasformate nell’Irlanda del Nord, sebbene possano essere rietichettate.

I riferimenti incrociati e i doppi negativi nel protocollo sono chiaramente progettati per confondere il lettore, ma l’essenza di questa sostituzione per l’ex “backstop” è che in pratica non ci sarà alcun ostacolo “e il contrabbando di merci nell’Unione europea (vale a dire: il Sud) che ha importato merci nel Nord, tramite un nuovo accordo commerciale o una concessione di , avverrà senza alcun problema da parte del Regno Unito.

Naturalmente, ci sarà anche la possibilità di esportare le merci attraverso l’Irlanda del Nord (e un salto oltre confine), le quali sono state fabbricate in , per essere rispedite da Dublino verso paesi extra-UE con i quali l’UE ha un esente da tariffe e il Regno Unito no.

Un tale commercio backdoor contribuirà, senza dubbio, a far rivivere la mafia consolidata nella provincia – l’IRA. Ciò potrebbe, a sua volta, minare il commercio legittimo all’interno dell’UE e generare una fiorente economia grigia a spese di molte che vi operano legittimamente.

Secondo Robin Chater, segretario generale della Federazione dei datori di internazionali (FedEE), “Il fatto che non sia possibile raggiungere un accordo ermetico su un accordo sulla Brexit è perché una profonda incompetenza permea il sistema politico britannico. È altrettanto triste che il popolo britannico sia accecato dal tragico errore della Brexit per la preoccupazione per l’odio per i cittadini dell’Europa orientale, che hanno contribuito così tanto all’economia del Regno Unito negli ultimi 15 anni. Tale incompetenza e xenofobia mi fanno vergognare profondamente di essere britannici.

Fonte
Eustace Fernsby – ufficio stampa FedEE