Lombardia, Aicurzio tra storia e leggenda

Tempo di lettura: 2 minuti

mantelli_cav_crociati_templari

Aicurzio è situato in Lombardia in Provincia di Monza e della Brianza. Aicurzio è un piccolo centro che affaccia sulla provincia di Como che porta con sé una storia ed una leggenda. Probabilmente il suo nome deriva dal latino “Curtius”, il nome di un capo militare romano di un accampamento a presidio di quelle zone. Andare dalle parti di “Curtius” si tradurrebbe in “ire ad Curtius” nella lingua di Virgilio, traslato infine nell’odierno Aicurzio. Questa denominazione fa la prima comparsa ufficiale in documenti datati 1784. Potrebbe però provenire anche dalla struttura tipica delle antiche aziende agricole romane, le cosidette “corti”.
Soffermandosi sulla prima ipotesi, si può dedurre come Aicurzio sia stato un luogo di grande interesse militare. Già nel periodo medioevale fu fortificata con fossati e bastioni difensivi, con due avamposti (Castel Negrino e La Comenda) in direzione di Como, per respingere eventuali incursioni dal nord.
Posseduta dai Cavalieri Templari fino al 1307 (anno di soppressione dell’ordine), fu destinato ai Cavalieri di Malta (sullo stemma comunale è presente proprio una Croce di Malta).
Come roccaforte militare, fu spesso presa d’assalto nel corso dei secoli. Nel 1261 subì un tremendo attacco da parte di un’armata di Bergamo in guerra con Milano. Peggio ancora quando nel 1705, per il conflitto alla successione della corona di Spagna, si ritrovò tra l’incudine ed il martello: esercito franco-spagnolo da un lato e austro-piemontese dall’altro.
E qui accadde il miracolo del Crocifisso.
Ad un passo dall’essere schiacciata dai due potenti eserciti, irruppe una visione: una terza armata ancora più imponente delle altre, che destò un tale sgomento da mettere in fuga entrambi gli schieramenti. La provvidenziale visione, che salvò Aicurzio, venne attribuita ad un crocifisso, posto in una cappelletta, poco fuori città. L’esercito, si disse, era un esercito di morti, dei sepolti del luogo. Ora quella cappelletta è diventata il Santuario di Campegorino e quel crocifisso è tuttora custodito lì.

FONTE