Lenti a contatto AR. Il santo graal della tecnologia fantascientifica

Tempo di lettura: 2 minuti

Steve Sinclair, vice presidente senior del prodotto e del marketing in una startup della chiamata Mojo Vision, è entusiasta della che la sua azienda sta sviluppando.

Mojo Vision produce intelligenti per la realtà aumentata . O meglio, renderà intelligenti le in realtà aumentata. Per ora, sta ancora sviluppando la tecnologia e raccogliendo fondi. Un sacco di soldi.

All’inizio di maggio, ha annunciato di aver raccolto 51 milioni di dollari in più per costruire il suo prodotto inaugurale, il Mojo Lens. Questo è in cima ai (almeno) $ 108 milioni che ha già raccolto, portando la sua raccolta totale di denaro a quasi $ 160 milioni.

“Mojo Lens è una lente a contatto intelligente con un integrato che ti fornisce informazioni tempestive senza interrompere la messa a fuoco”, spiega Sinclair. “Si tratta di elevare la tua visione fornendo informazioni esattamente quando ne hai bisogno, facendoti apparire come te stesso.”

Quest’ultima parte è uno dei maggiori motivi per cui le persone sono entusiaste della visione della realtà aumentata (AR) di Mojo Lens, che cerca di espandere la nostra percezione del mondo fisico aggiungendo strati di informazioni digitali su di esso.

La realtà aumentata è, promettono gli esperti, l’imminente quarta piattaforma di elaborazione, un’epoca in attesa di accadere.

I cambiamenti di paradigma si sono verificati all’incirca ogni 15 anni nell’informatica: i personal computer nei primi anni ’80, la rivoluzione di Internet della metà degli anni ’90, l’era mobile a partire dal 2007.

Tali cambiamenti sconvolgono sia ciò che è tecnologicamente possibile sia da quali aziende trarranno vantaggio esso.

Il tanto citato dilemma dell’innovatore di Clayton Christensen suggerisce che i giganti trincerati spesso perdono l’innovazione dirompente perché sono così bloccati in ciò che stanno facendo. Non riescono a vedere l’onda che si spezza fino a quando non sono pronti per essere spazzati via.

Nel caso dell’AR, gli operatori storici della tecnologia stanno facendo tutto il possibile per non perdere i rigonfiamenti dell’acqua che minacciano di esplodere in un’onda.

Ma nonostante questo frenetico finanziamento FOMO, nessuno ha ancora davvero inchiodato il fattore perfetto per l’AR. È impraticabile passeggiare per il mondo tenendo in mano uno smartphone davanti ai nostri volti per vedere strati di informazioni aumentati. E mentre molte aziende stanno costruendo occhiali AR, nessuno ha ancora consegnato un dispositivo così avvincente da indicare la strada per il futuro. In breve, nessuno ha ancora costruito l’iPhone di AR.

Le lenti a contatto AR potrebbero cambiarlo.

Fonte