Tempo di lettura: 2 minuti

La legge sulla tecnologia dell’ (anche chiamata “cyberlaw”) riguarda la legge della tecnologia dell’ , compresi l’ informatica e Internet . È collegato all’informatica legale e regola la diffusione digitale di informazioni e software ( digitali ) , sicurezza delle informazioni e commercio elettronico . aspetti ed è stato descritto come “leggi cartacee” per un “ambiente senza carta”. Solleva questioni specifiche di proprietà intellettuale in informatica e online, contrattuale , privacy , di espressione e giurisdizione .

La legge informatica non costituisce un’area separata del diritto, ma comprende aspetti del contratto, della proprietà intellettuale, della privacy e delle leggi sulla protezione dei dati. La proprietà intellettuale è una componente importante del diritto IT, compresi diritti d’autore , norme sul fair use e regole speciali sulla protezione dalla copia per i e l’elusione di tali schemi. L’area dei brevetti software è controversa e in continua evoluzione in Europa e altrove.

Gli argomenti correlati delle , degli accordi di licenza per l’utente finale , delle gratuite e delle licenze open source possono implicare discussioni sulla del prodotto, professionale dei singoli sviluppatori, garanzie, diritto contrattuale, segreti commerciali e proprietà intellettuale.

In diversi paesi, le aree dell’informatica e delle sono regolate, spesso rigorosamente, da enti governativi.

Esistono regole sugli usi a cui possono essere collegati i computer e le reti di computer, in particolare ci sono regole sull’accesso non autorizzato , la riservatezza dei dati e lo spamming . Esistono anche limiti all’uso della crittografia e delle attrezzature che possono essere utilizzate per sconfiggere schemi di protezione delle copie. Viene anche controllata l’esportazione di hardware e software tra determinati stati all’interno degli Stati Uniti .

Esistono leggi che regolano il commercio su Internet, la tassazione, la protezione dei consumatori e la pubblicità.

Esistono leggi sulla alla , regole sull’accesso pubblico alle informazioni governative e accesso individuale alle informazioni detenute su di esse da organismi privati. Ci sono leggi su quali dati devono essere conservati per l’applicazione della legge, e cosa non può essere raccolto o conservato, per motivi di privacy.

In determinate circostanze e giurisdizioni, le comunicazioni informatiche possono essere utilizzate come prova e per stabilire contratti. Nuovi metodi di intercettazione e sorveglianza resi possibili dai computer hanno regole molto diverse su come possono essere utilizzati dagli organismi preposti all’applicazione della legge e come prove in tribunale.

La tecnologia computerizzata per il voto, dai sondaggi alle votazioni su Internet e sui cellulari, solleva una serie di legali.

Alcuni stati limitano l’accesso a Internet, per legge e con mezzi tecnici.

Fonte