Le saponine: cosa sono e cosa fanno

Tempo di lettura: 1 minuto

Le sono un gruppo di sostanze fitochimiche naturali che formano una schiuma se mescolate con acqua. La presenza di naturali è stata segnalata in più di 100 famiglie di piante, tra cui soia, , , fagioli mung, arachidi, fagioli e , ma anche nelle solanacee (come e ), nei pseudocereali come la quinoa e anche nel .

L’ingestione di saponine è stata collegata a una scarsa crescita e negli animali erbivori, anche se ci vogliono dosi massicce per creare questi effetti.
Il rischio maggiore per l’uomo è per la mucosa dell’intestino: le saponine si legano con il colesterolo e vanno a causare lesioni che diventano quella che ormai conosciamo come “permeabilità intestinale“.

Questo effetto è in effetti ‘debole’ se si considera il consumo di un solo alimento contenente saponine, ma in aggiunta ai simili danni causati da altri antinutrienti (come le lectine, l’ e gli ossalati) il rischio di un danno da accumulo è ben maggiore.

Fonte