Le piccole nano particelle sono misurabili

Tempo di lettura: 2 minuti

Le nanoparticelle svolgono un ruolo gigantesco nella vita, anche quando la maggior parte degli acquirenti non è a conoscenza della loro presenza. Forniscono componenti importanti nelle lozioni solari, prevengono il fungo del piede dell’atleta nei calzini e combattono i microbi sulle bende. Migliorano i colori delle caramelle apprezzate e conservano lo zucchero a velo su ciambelle polverose. Sono anche utilizzati in superiori che si concentrano su particolari forme di nei trattamenti antitumorali.

Quando i chimici analizzano un modello, tuttavia, è difficile misurare le dimensioni e le porzioni di quelle particelle, che a volte sono 100.000 istanze più piccole dello spessore di un pezzo di carta.

La tecnologia presenta molte scelte per valutare le nanoparticelle; tuttavia, gli specialisti non hanno raggiunto un consenso su quale approccio sia il migliore.

I ricercatori farmaceutici in genere vogliono l’esattezza per massimizzare l’efficacia di un farmaco. E gli ambientali devono sapere, ad esempio, quale numero di nanoparticelle di oro, argento o titanio potrebbero senza dubbio causare un pericolo per gli organismi nel suolo o nell’acqua.

L’uso di nanoparticelle extra rispetto a quanto desiderato in un prodotto a causa di misurazioni incoerenti può inoltre sprecare denaro per i .

Una nanoparticella è in realtà solo una particella submicroscopica che misura meno di 100 nanometri su almeno una delle sue dimensioni.

Le nanoparticelle sono state utilizzate dai tempi dell’antica Mesopotamia, quando gli artisti della usavano pezzi di acciaio straordinariamente piccoli per illuminare vasi diversi.

Nella Roma del IV secolo, gli artigiani del vetro macinarono il metallo in minuscole particelle per alterare il colore delle loro merci sotto un’ totalmente diversa.

Questi metodi sono stati dimenticati per qualche tempo, ma sono stati riscoperti nel 1600 dai produttori intraprendenti per la produzione del vetro ancora una volta. Poi, nel 1850, lo scienziato Michael Faraday ha ampiamente studiato i metodi per utilizzare numerosi tipi di miscele di lavaggio per alterare l’efficienza delle particelle d’oro.

Fonte