Le notizie false sono un neologismo

Tempo di lettura: 3 minuti

Michael Radutzky, un produttore di CBS 60 Minutes , ha detto che il suo show considera le notizie false come “storie che sono probabilmente false, hanno un’enorme trazione [appeal popolare] nella cultura e sono consumate da milioni di persone”. Queste storie non si trovano solo in politica, ma anche in settori come vaccinazione, valori azionari e nutrizione. [23] Non includeva le notizie “invocate dai politici contro i media per storie che non amano o per commenti che non amano” come notizie false.

Guy Campanile, anch’egli produttore di 60 minuti , ha dichiarato: “Ciò di cui stiamo parlando sono storie inventate dal nulla: con la maggior parte delle misure, deliberatamente, e con qualsiasi definizione, questa è una bugia”.

L’intento e lo scopo delle notizie false sono importanti. In alcuni casi, ciò che sembra essere una notizia falsa può essere una satira di notizie , che usa l’esagerazione e introduce elementi non fattuali che hanno lo scopo di divertire o fare un punto, piuttosto che ingannare. La può anche essere una notizia falsa.

Alcuni ricercatori hanno evidenziato che le “notizie false” possono essere distinte non solo dalla falsità del suo contenuto, ma anche dal “carattere della [sua] e ricezione online”.

Claire Wardle di First Draft News identifica sette tipi di notizie false:

satira o parodia (“nessuna intenzione di causare danni ma ha il potenziale di ingannare”)
falsa connessione (“quando titoli, immagini o didascalie non supportano il contenuto”)
contenuto fuorviante (“uso fuorviante di informazioni per inquadrare un problema o un individuo”)
contesto falso (“quando il contenuto originale è condiviso con informazioni contestuali false”)
contenuto impostore (“quando le fonti autentiche vengono impersonate” con fonti false e inventate)
contenuto manipolato (“quando informazioni o immagini autentiche vengono manipolate per ingannare”, come in una foto “ritoccata”)
contenuto fabbricato (“nuovo contenuto è falso al 100%, progettato per ingannare e fare del male”)
Nel contesto degli d’America e dei suoi processi elettorali nel 2010, le notizie false hanno suscitato notevoli e discussioni, con alcuni commentatori che definivano preoccupazione su di esso come panico morale o isteria di massa e altri preoccupati per i danni arrecati alla pubblica. [27] [28] [29]

Nel gennaio 2017, la Camera dei comuni del Regno Unito ha condotto un’indagine parlamentare sul “fenomeno crescente di notizie false”.

Alcuni, in particolare il presidente degli Stati Uniti Donald Trump , hanno ampliato il significato di “notizie false” per includere notizie negative della sua presidenza.

Nel novembre 2017, Claire Wardle (menzionata sopra) ha annunciato di aver rifiutato la frase “notizie false” e “censura la conversazione”, trovandola “tristemente inadeguata” per descrivere i problemi. Ora parla di “inquinamento delle informazioni” e distingue tra tre tipi di problemi: “errata informazione”, “dis-informazione” e “cattiva informazione”:

Cattiva informazione : informazioni false diffuse senza intenti dannosi.

Dis-informazioni : create e condivise da persone con intenti dannosi.

Mal-informazione: la di informazioni “genuine” con l’intento di causare danni.

L’autore Terry Pratchett , che aveva un passato come e addetto , è stato tra i primi a essere preoccupato per la diffusione di notizie false su . In un’intervista del 1995 con Bill Gates , fondatore di Microsoft , disse

Diciamo che mi chiamo l’Institute for Something-or-other e decido di promuovere un trattato spurio dicendo che gli ebrei erano interamente responsabili della seconda guerra mondiale e dell’Olocausto non è accaduto, e va fuori là su Internet ed è disponibile alle stesse condizioni di qualsiasi pezzo di ricerca storica che ha subito una revisione paritariae così via. C’è una sorta di parità di stima delle informazioni in rete. È tutto lì: non c’è modo di scoprire se questa roba ha un qualche fondamento o se qualcuno l’ha appena inventato. “Gates era ottimista e in disaccordo, affermando che le autorità della Rete avrebbero indicizzato e verificato fatti e reputazione in un modo più sofisticato rispetto alla stampa, ma è stato Pratchett a “prevedere con precisione come Internet propagerebbe e legittimerebbe le notizie false“.

Fonte