Le metanfetamine in guerra: Pervitina, benzedrine, Cocaina

Tempo di lettura: 3 minuti

I militari di tutto il mondo hanno usato o stanno usando vari farmaci psicoattivi per migliorare le prestazioni dei soldati reprimendo la fame, aumentando la capacità di sostenere lo sforzo senza cibo, aumentando e allungando la veglia e la concentrazione, reprimendo la paura , riducendo l’empatia e migliorando i riflessi e il ricordo della memoria, tra altre cose.

Captagon, il nome commerciale della fenetilina stimolante sintetica, è stato prodotto per la prima volta negli anni ’60 per trattare l’iperattività, la narcolessia e la depressione, ma è stato vietato nella maggior parte dei paesi dagli anni ’80 come troppo avvincente. Rimane estremamente popolare in Medio Oriente; Solo l’Arabia Saudita cattura circa 55 milioni di compresse all’anno, forse il 10% del totale pensato di essere introdotto clandestinamente nel regno.

Il farmaco è economico e semplice da produrre, utilizzando ingredienti che sono facili e spesso legali da ottenere, ma che vende fino a $ 20 al tablet. Uno psichiatra libanese, Ramzi Haddad, ha affermato che Captagon ha “gli effetti tipici di uno stimolante”, producendo “una specie di euforia. Sei loquace, non dormi, non mangi, sei energico”.

Questi effetti spiegano perché i combattenti della maggior parte delle parti in conflitto nel conflitto – ad eccezione dei gruppi collegati ad al Qaida, che si basano principalmente su una rigorosa interpretazione della legge islamica – ora si dice che facciano ampio uso del Captagon, spesso di notte missioni o durante battaglie particolarmente estenuanti. Ma i medici e gli psichiatri affermano che l’uso della droga si sta diffondendo anche tra la popolazione civile sempre più disperata della Siria.

Andando a ritroso nel tempo, poco prima di incontrare Benito Mussolini nell’estate del 1943, si sentiva gravemente ammalato. Tuttavia, non poteva abbandonare una riunione di potere dell’Asse, e così il medico personale di Hitler iniettò al Führer un farmaco chiamato Eukodal – pensa all’ossicodone combinato con la cocaina – per rianimarlo.

Il medico ha corso un rischio significativo nel farlo. Dopotutto, Hitler era incline ad aggrapparsi a sostanze che creano dipendenza e rifiutarsi di lasciarsi andare. Ma in questo caso, l’iniezione sembrava giustificata: Hitler partì per l’incontro come un soldato della metà dei suoi anni.

L’uso diffuso di non era esattamente nuovo nel paese. Una generazione prima, la Germania era impantanata nel consumo di su larga scala, cioè fino a quando Hitler non salì al potere in parte in una campagna anti-droga. Ma quando Hitler cambiò rotta e divenne un tossicodipendente, lo stesso destino accadde a molti nel suo paese.

Il libro di Norman Ohler, recentemente pubblicato, Blitzed: Drugs nella Germania nazista , affronta il ruolo che le droghe hanno giocato nel Terzo Reich – ed è travolgente.

La Repubblica di Weimar, tra il 1919 e il 1933, era diventata economicamente dipendente da prodotti farmaceutici – in particolare cocaina ed eroina. Per darvi un’idea delle dimensioni di questa dipendenza, l’anno prima dei vincitori della prima guerra mondiale costrinse la repubblica a firmare il trattato della Convenzione internazionale sull’oppio nel 1929, Berlino da sola produceva 200 tonnellate di oppiacei.

In effetti, la Germania era responsabile del 40 percento della produzione globale di morfina tra il 1925 e il 1930 (la cocaina era una storia simile), secondo Ohler. Tutto sommato, con la loro economia in gran parte distrutta dalla prima guerra mondiale, la Repubblica di Weimar era diventata il trafficante di droga del mondo.

————-

Le pillole di benzedrina , colloquialmente indicate come bennies , sono il nome commerciale del primo farmaco farmaceutico che conteneva anfetamine .

Il farmaco conteneva la miscela racemica di anfetamina, che è una miscela in parti uguali di levoamphetamine e dextroamphetamine .

Fu commercializzato per la prima volta nel 1933 come decongestionante negli Stati Uniti da Smith, Kline e French sotto forma di inalatori di benzedrina .

La Benzedrine è stata fornita per combattere le truppe nella seconda guerra mondiale per l’uso in circostanze eccezionali (ad esempio per mantenere svegli e allertati gli ufficiali delle navi di scorta nella continua ricerca di sottomarini per 24 ore o più e per i paracadutisti che continuavano a combattere più a lungo), come documentato da alcuni partecipanti , ad esempio Nicholas Monsarrat .

—————

L’esercito popolare cinese di liberazione ha sviluppato una droga per mantenere i soldati svegli e allertati per quattro giorni consecutivi.

Il farmaco, chiamato “Night Eagle”, consente ai soldati di rimanere svegli e di essere forti, secondo quanto riferito dai media di Hong Kong domenica, citando la China Central Television (CCTV), la principale emittente statale del paese.

Un popolare stimolante militare in Occidente è il modafinil, che è stato originariamente sviluppato per il trattamento della narcolessia, ma viene ora utilizzato dagli Stati Uniti, francesi, inglesi e le forze armate indiane come alternativa alle anfetamine, oltre che dagli studenti per combattere la stanchezza.

————-

I piloti dell’Indian Air Force (IAF) usano sempre più droghe per aumentare la prontezza e le capacità cognitive per ottimizzare le prestazioni negli esercizi di combattimento, riporta Times of India .

Modafinil e Zolpidem, rispettivamente soprannominati pillole “Go / No-Go”, sono usati per aumentare prima l’adrenalina e la veglia, quindi contrastare con sedazione per il recupero fino alla missione successiva.

————

Fonti varie