Le forze messicane rilasciano figlio di ‘El Chapo’ dopo intensi scontri a fuoco

Tempo di lettura: 1 minuto

Il ministro della messicano Alfonso Durazo ha affermato che una pattuglia della polizia militarizzata della è stata attaccata per la prima volta da una casa in città, a 600 km (370 miglia) a nord-ovest di .

Dopo essere entrati in casa, hanno trovato quattro uomini tra cui Ovidio Guzman, che è accusato di traffico di negli Stati Uniti .

La pattuglia è stata rapidamente sopraffatta dai sicari del cartello, e la decisione è stata presa per ritirarsi per proteggere le vite della Guardia Nazionale e ripristinare la calma in città, dove i gangster avevano istituito blocchi stradali e stavano scatenando pesanti spari automatici, ha detto Durazo.

Le scene caotiche di Culiacan, a lungo una roccaforte del cartello Sinaloa dei Guzmans , aumenteranno la pressione sul presidente messicano Andrés Manuel López Obrador, che è entrato in carica a dicembre promettendo di pacificare un paese stanco dopo più di un decennio di combattimenti contro la guerra alla droga. Gli omicidi quest’anno sono destinati a raggiungere un livello record.

Le scene a Sinaloa seguono il massacro di oltre una dozzina di nel Messico occidentale all’inizio di questa settimana e l’uccisione di 14 sospetti gangster da parte dell’esercito il giorno dopo.

“El Chapo” ha guidato il cartello Sinaloa per decenni, fuggendo due volte dalla prigione prima di essere arrestato ed estradato negli Stati Uniti. È stato dichiarato colpevole in un tribunale americano a febbraio di contrabbando di tonnellate di e condannato all’ergastolo.

Si ritiene che abbia circa 12 figli incluso Ovidio. Il dipartimento di giustizia degli Stati Uniti ha presentato un’accusa contro Ovidio e un altro dei fratelli a febbraio, accusandoli di cospirazione per distribuire , metanfetamina e negli Stati Uniti.

Fonte
irishtimes.com