La teoria politica della borghesia narcisistica ascendente

Condividi nei social net

Reading Time: 1 minute read

In The Lesbian and Gay Studies Reader , D’Emilio scrisse audacemente, “gli omosessuali e le lesbiche non sono sempre esistiti. Invece, sono un prodotto della storia e sono nati in un’epoca storica specifica.

La loro comparsa è associata alle relazioni del capitalismo; è stato lo sviluppo storico del capitalismo – più specificamente, il suo sistema di lavoro libero – che ha permesso a un gran numero di uomini e donne alla fine del ventesimo secolo di definirsi gay, di vedere se stessi come parte di una comunità di uomini e donne simili, e di organizzarsi politicamente sulla base dell’identità “. (Routledge, 1993)

Le differenze tra i trionfi e i becchi del mondo sono più cosmetiche che reali. Entrambi vogliono un centralizzato sugli altri, ma solo da parte di coloro che condividono i loro valori.

Il numero di agosto (1977) di Christian Life ha dato il via a una vasta serie di articoli che assumevano una posizione iper-conservatrice sulla questione dell’omosessualità. L’articolo trattava dei che scoprono che il loro bambino è gay e di come dovrebbero affrontare la situazione.

Le reazioni di un genitore il cui figlio si è etichettato come omosessuale spesso sono parallele a queste reazioni traumatiche iniziali, ma la perdita emotiva di un bambino a causa dell’omosessualità è di più ampia portata.

Christian Life , nello stesso numero dell’articolo Spatula di Johnson, suggeriva alle persone di contattare New Wine per il loro articolo “Omosessualità”.

L’articolo è un rimaneggiamento del riassunto fondamentalista del metodo di cura: “Dopo il pentimento e la denuncia del peccato di omosessualità, allo spirito demoniaco ad esso associato può essere comandato di lasciare la vita della nel nome di ”.

XUKA