La spinta del Ghana verso la modernizzazione e l’innovazione

Tempo di lettura: 2 minuti

Al decimo Summit ed Expo sulle miniere WaCA in Ghana, Kwaku Asoma-Cheremeh, Ministro delle Terre e delle , ha esortato le compagnie minerarie e i fornitori di servizi ad adottare la tecnologia appropriata per migliorare le prestazioni del settore, sottolineando come l’innovazione ottimizzerà le operazioni e promuovere lo sviluppo sostenibile per le comunità ospitanti e il Paese in generale.

Una manciata di miniere, come la Subika di Newmont e la Obuasi di AngloGold Ashanti, sono già state sotterranee e hanno meccanizzato parte delle loro operazioni. Tuttavia, l’innovazione dell’ è guidata principalmente da problemi di nelle operazioni di alto livello e, con circa il 70% delle operazioni del Ghana costituite da miniere a cielo aperto, non vi sono stati molti incentivi a innovare.

Il Ghana dovrebbe guardare oltre il prossimo decennio e considerare i vantaggi a lungo termine nel affermarsi come un hub per l’innovazione.

L’adozione nella fase iniziale della nuova tecnologia faciliterà in futuro il rimodellamento su larga scala delle miniere.

Il problema in non è l’indisponibilità della tecnologia, ma l’infrastruttura delle miniere che spesso non consente l’implementazione di soluzioni innovative.

L’innovazione solleverà il problema della perdita di posti di , poiché più miniere si meccanizzeranno e automatizzeranno contemporaneamente.

La politica delle risorse ha valutato la preparazione delle parti interessate in miniera in Ghana per l’adozione di sistemi di estrazione automatizzata (AMS).

Lo studio ha rilevato che gli intervistati in genere erano a conoscenza delle ma esprimevano riluttanza ad accettare l’AMS nelle miniere del Ghana a causa del timore di un aumento della disoccupazione.

È stato anche rivelato che il 48% dei corsi di laurea e il 75% dei corsi di mining post-laurea in Ghana erano concentrati su tecnologie obsolete.

Infine, il Ghana ha da tempo ricoperto la posizione di centro della conoscenza della regione e gli espatriati dal Ghana sono assunti come operatori e gestori in tutto il continente.

Fonte