La sperimentazione umana non etica

Condividi nei social net

Reading Time: 2 minutes read

Una sperimentazione umana che viola i principi dell’etica medica non è consentita. Tali pratiche hanno incluso negare ai pazienti il ​​diritto al consenso informato, utilizzare quadri pseudoscientifici come la scienza della razza e torturare le persone con il pretesto della ricerca.

Intorno alla seconda guerra mondiale , il Giappone imperiale e la Germania nazista hanno condotto esperimenti brutali su prigionieri e civili attraverso gruppi come l’ Unità 731 o individui come Josef Mengele ; il codice di Norimberga è stato sviluppato dopo la guerra in risposta agli esperimenti nazisti.

I paesi hanno condotto esperimenti brutali su popolazioni emarginate. Gli esempi includono gli abusi americani durante il progetto MKUltra e gli esperimenti sulla sifilide di Tuskegee e il maltrattamento delle popolazioni indigene in Canada e in Australia.

La Dichiarazione di Helsinki , sviluppata dalla World Medical Association (WMA), è ampiamente considerata come il documento fondamentale sull’etica della ricerca umana .

Dalla fine del XX secolo, le nazioni africane sono state spesso i siti di test clinici da parte di grandi aziende farmaceutiche internazionali. In alcuni casi, le comunità rurali hanno sviluppato iatrofobia (paura dei medici) dopo aver subito o aver appreso di sperimentazioni mediche altamente controverse.

La sfiducia fondamentale sta nel potenziale confronto della scelta di Hobson : “Medicina sperimentale o nessuna medicina”. Sono stati documentati più casi di esperimenti eticamente discutibili.

Alla fine del 20 ° secolo, Depo-Provera è stato clinicamente testato su donne dello Zimbabwe. Una volta approvato, il farmaco è stato utilizzato come misura di controllo della popolazione negli anni ’70. I proprietari di aziende agricole commerciali hanno esercitato pressioni sulle lavoratrici autoctone affinché accettassero l’uso di Depo-Provera.

Gli interessi di controllo della popolazione hanno motivato molti dei programmi di pianificazione familiare. Ciò ha portato alla sua eventuale messa al bando in Zimbabwe.

Uno studio clinico del 1996 a Kano , in Nigeria, che coinvolgeva il farmaco Pfizer Trovan per il trattamento della meningite, ha provocato la disabilità di 200 bambini e la morte di 11 bambini. A causa di queste vittime, il governo nigeriano ha citato in giudizio la Pfizer chiedendo se avesse ottenuto il consenso informato in modo appropriato.

Pfizer ha sostenuto in tribunale di aver soddisfatto tutte le norme per i test antidroga. Molti nigeriani diffidano dell’uso di vaccini medici e rifiutano anche di partecipare a studi medici.

Nel 1994 le aziende farmaceutiche statunitensi hanno iniziato a condurre sperimentazioni del farmaco AZT su soggetti africani positivi all’HIV con l’obiettivo di sviluppare trattamenti per ridurre la trasmissione di HIV / AIDS durante il parto.

Con il finanziamento del National Institutes of Health (NIH) e dei Centers for Disease Control (CDC), il programma ha testato oltre 17.000 donne dello Zimbabwe per l’efficacia dell’AZT nella prevenzione della trasmissione dell’HIV / AIDS durante il parto.

A metà delle donne è stato somministrato un placebo anziché il farmaco ei soggetti non sono stati informati dei potenziali pericoli del trattamento. Secondo Peter Lamptey, il capo del Programma di controllo e prevenzione dell’AIDS, “se intervistassi le persone nello studio, la maggior parte non capirebbe a cosa hanno effettivamente acconsentito”.

Si stima che circa 1000 neonati di donne nello studio abbiano contratto l’HIV / AIDS, sebbene ciò avrebbe potuto essere evitato trattando le donne con farmaci noti. Il test è stato interrotto nel 1998, quando il CDC ha affermato di aver ottenuto dati sufficienti da esperimenti in Thailandia .

Fonte Wikipedia