La Sindrome da rilascio di citochine ed il Covid-19

Tempo di lettura: 1 minuto

La da rilascio di citochine o da citochine è una complicazione comune a carattere immediato che può occorrere quando un soggetto è sottoposto ad infusione di immunosoppressori anti- contro T, come l’ATG (globulina anti-timociti), il Muromonab ed il TGN1412. È l’effetto avverso che si riscontra più comunemente con l’utilizzo di tali immunosoppressori. I casi più gravi sono definiti tempesta di citochine.

L’effetto è dovuto al fatto che gli anticorpi si legano ai recettori dei linfociti T, attivando quindi i linfociti T prima che questi siano distrutti.

Le citochine rilasciate dall’attivazione dei linfociti T producono una sindrome da risposta infiammatoria sistemica simile a quella riscontrata nel corso di gravi infezioni.

Segni e sintomi

ipotensione
febbre
brividi.
Prognosi

Sono stati riportati casi di decessi ascrivibili alla sindrome da citochine, anche se un trattamento medico adeguato è in grado di sventare qualsiasi pericolo di vita.

Trattamento

L’effetto può essere gestito preferendo una infusione lenta piuttosto che veloce e somministrando antistaminici o cortisonici prima dell’infusione dell’immunosoppressore.

La tempesta di citochine può anche essere indotta da alcune .

Il farmaco sperimentale TGN1412 causò sintomi molto gravi, probabilmente dovuti ad una tempesta di citochine, quando fu somministrato a sei individui che partecipavano a un trial clinico di Fase I.

L’alta recentemente riportata tra i giovani sani durante l’ di del 2009 ha portato ad ipotizzare che le tempeste di citochine possano essere responsabili di queste morti, anche perché l’ risulta appartenere allo stesso ceppo dell’influenza spagnola del 1918.

Fonte : Wikipedia