La Russia costruirà una base sottomarina nucleare in Iran

Tempo di lettura: 2 minuti

La si sta preparando ad espandere la sua presenza militare in Medio Oriente collaborando con l’Iran, sul quale gli Stati Uniti hanno imposto un embargo petrolifero completo nel 2019. Due porti iraniani – Bushehr nel sud e Chabahar nel sud-est – diventeranno le basi avanzate per la Marina russa che verrà persino utilizzata dai sottomarini nucleari, riferisce OilPrice , citando fonti di alto livello a Teheran.

Bushehr servirà anche come base in cui le forze aerospaziali russe possono piazzare combattenti Su-37 e Su-57. Ci sono anche piani per stanziare un contingente di truppe russe lì, comprese forze speciali, che saranno lì con lo stesso pretesto usato in Siria e in – tecnicamente saranno lì come “consiglieri” dell’esercito iraniano.

Un memorandum su una maggiore militare tra lo stato maggiore delle iraniane e il ministero della Difesa russo fungerà da base giuridica per l’istituzione da parte della Russia di questo nuovo avamposto permanente in Medio Oriente, nelle immediate vicinanze dei principali alleati statunitensi nella regione .

La firma del documento è stata annunciata il 29 luglio da Hossein Khanzadi, comandante della marina iraniana, dopo aver visitato San Pietroburgo per partecipare alla celebrazione della Giornata della Marina russa.

“Questa è una svolta per Teheran e le relazioni di difesa di Mosca”, ha detto Khanzadi a Mehr in un’intervista . Come caso di prova, le due marine terranno esercitazioni congiunte nella parte settentrionale dell’Oceano Indiano, tra cui lo Stretto di Hormuz, una “arteria petrolifera” chiave per i paesi dell’OPEC, attraverso la quale passa un terzo della fornitura mondiale di petrolio. Gli esercizi sono previsti per l’inizio del 2020.

Oltre alla cooperazione militare, Teheran riceverà assistenza finanziaria da Mosca come parte dell’accordo. L’assistenza includerà investimenti nello sviluppo di giacimenti petroliferi abbandonati da società occidentali a seguito delle sanzioni, affermano le fonti di OilPrice.

Nel 2019, l’Iran si aspetta un prestito di $ 5 miliardi dalla Russia. I fondi sono già inclusi nel bilancio della repubblica islamica per l’anno 1398 secondo il calendario persiano (che inizia il 21 marzo 2019). I fondi dovrebbero essere utilizzati per progetti infrastrutturali, tra cui , e costruzione di dighe, reti di irrigazione e condotte idriche.

Sebbene i precedenti tentativi della Russia di collaborare con l’Iran non abbiano avuto successo, e Mosca e Teheran sono ancora in una disputa sui diritti del gas nel Mar Caspio, l’accordo è stato sostenuto dall’Islamic Revolutionary Guard Corps e dal leader supremo, l’ Khamenei.

“Se non puoi acquistare cibo in un supermercato a 10 miglia da te, non hai altra scelta che andare al negozio all’angolo, non importa quanto sia schifoso”, ha osservato un alto funzionario iraniano, riferendosi alla natura del con la Russia.

Il ministero degli Esteri russo continua a sostenere l’Iran sul fronte diplomatico. Il 29 luglio, il vice ministro degli Esteri russo Sergey Ryabkov ha appoggiato la decisione di Teheran di riprendere l’arricchimento dell’ a seguito delle recenti sanzioni statunitensi.

“Siamo in grado di capire cosa ha motivato gli iraniani ad adottare questo metodo per influenzare la mentalità dei restanti partecipanti all’accordo”, ha osservato.

La portavoce del ministero degli Esteri russo Maria Zakharova ha accusato Washington di aver tentato di rovesciare l’attuale regime in Iran e ha predetto una “catastrofe” per gli Stati Uniti in caso di uso della forza.

Fonte
https://uawire.org