La legge di polarità nel ritmo della vita

Tempo di lettura: 2 minuti

“Non esiste un sistema isolato, ogni particella dell’universo è in connessione istantanea con tutte le altre particelle. L’intero sistema, anche se le particelle sono separate da grandissime distanze, lavora come un sistema unificato.” e Bailey nella sua opera “La coscienza dell’atomo” ci ricorda “il macrocosmo ripete se stesso nell’uomo, il microcosmo, e il microcosmo è a sua volta riflesso in tutti gli atomi minori”.

“Tutto è duale; tutto ha poli; ogni cosa ha la sua coppia d’opposti. Il simile e il dissimile sono uguali; gli opposti sono identici di natura, ma differenti di grado. Gli estremi si toccano, tutte le verità non sono che mezze verità, e tutti i paradossi posso essere conciliati”.

“Questa chimica o , considera una materia, prima di tutto, dal punto di vista delle sue funzioni, che determinano il suo posto nell’universo e le sue con le altre materie, dopo di che viene osservata dal punto di vista della sua relazione con l’uomo e con le funzioni dell’uomo.

Per ‘atomo di sostanza’, si intende la più piccola quantità di una data sostanza, che conservi tutte le sue proprietà fisiche, cosmiche e psichiche; in effetti ogni sostanza possiede, oltre alle sue proprietà cosmiche, delle proprietà psichiche, vale a dire un certo grado di .

Il concetto di ‘atomo’ può, di conseguenza, applicarsi non soltanto agli elementi, ma anche a tutte le materie composte che hanno delle funzioni definite nell’universo o nella vita dell’uomo.

Vi può essere un atomo di acqua, un atomo di aria (ossia d’aria atmosferica propria alla dell’uomo); un atomo di pane, un atomo di carne e così via.

Un atomo d’acqua sarà in questo caso il centesimo di un millimetro cubo d’acqua ad una certa temperatura presa con un termometro speciale.

Sarà una minuscola goccia d’acqua che, a certe condizioni, potrà essere vista a occhio nudo.

Questo atomo è la più piccola quantità d’acqua che conserva tutte le proprietà dell’acqua.

Se la divisione è spinta oltre, qualcuna di queste proprietà scompare; cioè non abbiamo più dell’acqua, ma qualcosa che si avvicina allo stato gassoso dell’acqua, il vapore, che chimicamente non differisce per nulla dall’acqua allo stato liquido, ma possiede delle funzioni differenti e di conseguenza delle proprietà cosmiche e psichiche differenti.

La ‘tavola degli idrogeni’ rende possibile lo studio di tutte le sostanze che compongono l’organismo dell’uomo dal punto di vista della loro relazione con i differenti piani dell’universo.

Ora, siccome ciascuna funzione dell’uomo è un risultato dell’azione di sostanze definite, e siccome ciascuna sostanza è in relazione ad un piano definito dell’universo, questo fatto ci permette di stabilire la relazione esistente tra le funzioni dell’uomo ed i piani dell’universo”.

OUSPENSKY “FRAMMENTI DI UN SCONOSCIUTO”