La Irlanda ha contribuito al bilancio della UE nel 2018

Tempo di lettura: 2 minuti

L’Irlanda ha contribuito nettamente al bilancio dell’ per un importo di 315 milioni di euro nel 2018, secondo l’ultimo rapporto del finanziario dell’UE. La somma rappresenta un aumento da € 173 milioni nel 2017 e € 181 milioni nel 2016.

Tuttavia, i funzionari si aspettano che i di bilancio dell’Irlanda aumentino ulteriormente in caso di senza accordi, se gli Stati membri insistono nel soddisfare le attuali ambizioni di spesa dell’UE.

La relazione annuale 2018 della mostrava che l’Irlanda aveva ricevuto € 2,6 miliardi di dell’UE, con la stragrande maggioranza che arrivava sotto forma di sussidi agricoli.

Di 1,56 miliardi di euro di entrate agricole complessive, circa 1,22 miliardi di euro sono stati ricevuti a titolo di pagamenti diretti e 319 milioni di euro di fondi per lo .

Nel complesso, secondo il rapporto, la spesa dell’UE nel 2018 è stata di 1,56 miliardi di euro. Ciò rappresenta il 2,2% della totale degli Stati membri dell’UE e l’1% del reddito nazionale lordo dell’UE (RNL).

L’audit annuale afferma che il tasso di errore stimato negli Stati membri che hanno ricevuto e erogato fondi è stato del 2,6%, rispetto al 2,4% nel 2017 e al 3,1% nel 2016.

I funzionari della Corte dei conti affermano di non poter stimare l’impatto di una Brexit senza trattative sui conti dell’UE, poiché possono effettuare audit solo dopo che si è verificato un tale evento.

Le stime variano per quanto riguarda il buco nel bilancio dell’UE se il Regno Unito lascia senza un accordo e rifiuta di pagare le passività in sospeso sostenute durante l’adesione.

In un post per il think tank Bruegel con sede a , l’economista Zolt Darvas ha stimato che, alla fine di marzo, se il Regno Unito fosse partito senza un accordo, il buco totale della Brexit nel bilancio fino al 31 dicembre 2020 sarebbe ammontato a circa 16,5 miliardi di euro o 0,066% dell’RNL dell’UE a 27.

In base all’accordo di recesso, il Regno Unito avrebbe dovuto pagare circa £ 39 miliardi di STG per far fronte alle proprie passività attuali e future.

Tuttavia, più a lungo il Regno Unito rimane nell’UE, maggiori saranno tali passività.

Ad aprile l’UE ha adottato misure di emergenza che consentirebbero ai beneficiari del Regno Unito di ricevere ancora finanziamenti dell’UE per la ricerca e l’ in caso di Brexit senza accordi.

Questo sarebbe per i contratti già firmati e le decisioni prese prima della data della Brexit, purché il Regno Unito continuasse a versare il proprio contributo concordato nel bilancio dell’UE per il 2019.

I funzionari della Corte dei conti ritengono che tutti gli Stati membri, compresa l’Irlanda, dovrebbero pagare di più se il Regno Unito non onorerà le proprie passività in uno scenario senza accordi.

In una nota alla presidenza finlandese dell’UE, riferita da Politico, il governo tedesco ha dichiarato che avrebbe cercato di aumentare la spesa dell’UE di non più dell’1% dell’RNL nel periodo di sette anni.

Tuttavia, funzionari della Corte dei conti sottolineano che gli Stati membri hanno anche chiesto all’UE di aumentare la spesa nei settori della sicurezza e della .

Il QFP, che è il ciclo di bilancio settennale dell’UE, stabilisce piani di spesa e impegni dal 2021 al 2027.

Fonte
rte.ie