La GEO-Politica sui controlli delle esportazioni

Tempo di lettura: 1 minuto

La di controllo delle utilizzata dagli per un periodo piuttosto lungo in è stata criticata per l’aumento dei guai nella regione (Vali & Ray 2008).

La politica prevede l’introduzione di commerciali per qualsiasi stato del Medio Oriente che intraprenda di non proliferazione.

La politica mira a garantire che la regione rimanga al sicuro dalle armi nucleari.

Gli esperti hanno tuttavia scoperto che imponendo sanzioni, ad esempio il caso in Iran, il problema non viene risolto. Dovrebbe essere chiaro che il problema delle armi nucleari in Iran è inghiottito da così tante idee sbagliate sulla del popolo. Come notato in precedenza, prima di cadere, gli Stati Uniti e l’Iran erano alleati.

Gli Stati Uniti dovrebbero cercare una politica in grado di ripristinare le relazioni precedenti, anziché l’ostilità.

È fondamentale che gli Stati Uniti mantengano la loro posizione di maggiore potenza mondiale. Ciò è possibile solo evitando scenari attraverso i quali i suoi rivali, ad esempio , Cina e , stanno cercando di aumentare la loro superiorità.

Questi paesi hanno approfittato delle sanzioni che gli Stati Uniti impongono all’Iran e all’intera regione del Medio Oriente per promuovere i loro (Spiegel & Kibbe 2008). Questo è un problema che i responsabili politici statunitensi non hanno preso in considerazione prima di adottare la politica di controllo delle esportazioni.

Inoltre provoca più danni agli innocenti del Medio Oriente. Questo è chiaro, dal momento che l’Iran sta ancora andando avanti con il suo programma nucleare sospetto anche sulla scia delle sanzioni più rigide da parte di tutto l’Occidente.

Fonte