La GEO-Politica di deterrenza

Tempo di lettura: 1 minuto

I statunitensi hanno deliberato sull’efficacia della di deterrenza. Qui, gli avrebbero dovuto rafforzare i vicini dell’Iran in modo da consentire loro di affrontare la minaccia nucleare dell’Iran.

Questa politica fu fortemente sostenuta dall’amministrazione del presidente George W. Bush. Secondo quanto riferito, questa amministrazione ha fornito all’ un importo totale di $ 20 miliardi per il pacchetto di armi.

Ciò è stato dato in modo da rafforzare l’Arabia Saudita in termini di stabilità . Questa stabilità è stata stabilita. Questa politica ha visto il rafforzamento dei legami tra Stati Uniti e , un problema che continua a causare scompiglio in Iran.

Sembra che i responsabili politici abbiano dimenticato il fatto che Israele era uno stato nucleare.

Seguendo questa politica, gli Stati Uniti stavano mettendo a rischio l’intero . C’era poca o nessuna considerazione su cosa sarebbe successo se, per esempio, Israele ha lanciato attacchi contro la struttura nucleare dell’Iran e ha perso l’attacco. Ciò alla fine porterebbe alla corsa agli nucleari in Medio Oriente.

Affrontare la minaccia di armi nucleari in Medio Oriente richiede una politica più sobria; politica che non sarà vista come parziale da nessuno dei paesi della regione.

Deve essere basato sui problemi, abbastanza in linea con le disposizioni del TNP.

In questo modo, non sarà visto come mirato a uno stato specifico e, quindi, avrà la di portare la normalità attraverso il dialogo nella regione.

È pertanto auspicabile che gli Stati Uniti adottino il regime di non proliferazione globale come una politica attraverso la quale combattere la minaccia alle armi nucleari in Medio Oriente.

Fonte