La debacle di Surgisphere

Tempo di lettura: 4 minuti

Uno studio su The Lancet pubblicato due settimane fa e poi ritirato informava che l’utilizzo dei dati di una società chiamata Surgisphere non erano corretti, sul . È interessante notare che, quando il documento di Lancet è stato ritirato, il of Medicine ha pubblicato il primo studio clinico randomizzato controllato di idrossiclorochina per la profilassi contro COVID-19, che si è rivelato, ovviamente, del tutto negativo.

A seguito delle preoccupazioni sollevate da questo studio, l’Organizzazione mondiale della sanità ha sospeso il suo studio sull’idrossiclorochina per analizzare i dati sulla sicurezza, sebbene la sospensione fosse breve e lo studio è stato ripreso all’inizio di questa settimana.

Dire che lo studio ha suscitato grande scalpore, con i credenti idrossiclorochina che lo attaccano senza sosta, è un eufemismo.

Si scopre anche che il documento Lancet non era l’unico che utilizzava i dati di Surgisphere ritratti.

Il ha anche ritirato un documento di Surgisphere che non aveva riportato alcuna correlazione tra l’uso di inibitori dell’enzima di conversione dell’angiotensina (ACE) o bloccanti del recettore dell’angiotensina (ARB) e un aumentato rischio di morte.

Le principali critiche allo studio sono riassunte in questo articolo dal Dr. James Todaro . Prima di continuare, mi sento in dovere di menzionare che, sulla base del suo feed Twitter e di altri scritti, so che il dottor Todaro ha sicuramente una strana atmosfera su di lui ed è sicuramente un credente idrossiclorochina. (È anche un amministratore delegato di una società di criptovaluta .)

In effetti, questo articolo del nota che ha una connessione con Didier Raoult, che gli ha permesso di pubblicare uno dei suoi studi originali su Twitter due giorni prima che fosse pubblicato su una prestampa server.

Il feed Twitter di Todaro menziona anche che è stato coautore di un articolo pro-idrossiclorochina dal titolo Un trattamento efficace per il . La sua decostruzione è la più dettagliata di ciò che non va in Surgisphere e Lancetstudio.

Sulla base dello studio Lancet, [Surgisphere] deve essere davvero una rete molto ampia e sofisticata per poter collaborare con centinaia di ospedali in tutto il mondo con la capacità di recuperare dati dettagliati sui pazienti in tempo reale.

Ci si aspetterebbe che un database multinazionale come questo sia uno scrigno ricercato dai ricercatori. Stranamente, non è così.

Surgisphere ha una sottile cartella di contributi a pubblicazioni passate. Oltre alla pubblicazione Lancet, l’unica altra pubblicazione peer-reviewed di Surgisphere è intitolata Cardiovascular, Drug Therapy e Mortality in Covid-19, pubblicata il 1 maggio 2020 nel New England Journal of Medicine.

La sezione Ricerca del sito Web di Surgisphere presenta ventitré “Casi di studio da tutto il mondo” come prova del loro lavoro precedente e delle caratteristiche del prodotto.

La stragrande maggioranza di questi “casi studio” è priva di sostanza scientifica e in realtà consiste di brevi lettere, comunicati stampa o potenziali casi d’uso per il suo database.

Il dottor Todaro ha anche osservato che Surgisphere ha solo cinque dipendenti, solo uno dei quali, il dott. Sapan Desai, ha una laurea in , mentre i restanti quattro sono principalmente uomini d’affari e di marketing, tre dei quali erano entrati in azienda solo due mesi prima pubblicazione del documento Lancet. Altrettanto sospetto è il fatto che Surgisphere abbia bloccato il suo sito Web dalla Wayback Machine su Archive.org, in modo che nessuno potesse controllare l’aspetto del sito Web in passato. Come sottolinea il Dr. Todaro:

Ci sono principalmente due modi per nascondere le storie di Internet alle aziende. In primo luogo, possono inserire codici speciali nei loro siti Web per nasconderli dai crawler automatici della Wayback Machine. In secondo luogo, le aziende possono richiedere la rimozione delle loro istantanee storiche, ma non c’è garanzia che Internet Archive rispetti queste richieste. Entrambe queste pratiche sono molto insolite e quasi esclusivamente utilizzate per oscurare attività nefaste.

Un’altra storia afferma che Surgisphere ha undici dipendenti. La discrepanza deriva probabilmente dalla dipendenza del Dr. Todaro principalmente dai profili di LinkedIn per trovare i dipendenti di Surgisphere.

Qualunque sia il numero corretto, tuttavia, Surgisphere è chiaramente una piccola azienda, troppo piccola e priva delle competenze necessarie per creare un database come quello che descrive. Inoltre è iniziato principalmente come società di libri di testo medici e ha una storia di invio di recensioni false su Amazon.com:

Le recensioni dei prodotti dell’azienda su Amazon sono polarizzate e una manciata di recensioni positive che sembravano impersonare i medici reali sono state rimosse quando quei medici si sono lamentati con Amazon. Kimberli S. Cox, un oncologo chirurgico al seno con sede in Arizona, dice a The Scientist di essere una dei numerosi medici praticanti che nel 2008 hanno scoperto recensioni a cinque stelle accanto a nomi identici o molto simili ai loro, che non avevano scritto . Lei e i suoi colleghi hanno persuaso con successo Amazon ad abbassare le recensioni.

Nella stessa storia, il Dr. Desai promette che ci sarà un audit indipendente di terze parti sui dati di Surgisphere. (Spoiler: non c’è stato e non ci sarà.)

Todaro osserva inoltre che esistono numerose filiali di Surgisphere che sembrano avere poca o nessuna sostanza:

Un tuffo più profondo in Surgisphere rivela tre società sussidiarie: Surgical Outcomes Collaborative, Vascular Outcomes e Quartz Clinical. Su ciascuna delle home page di questi tre siti Web, il copyright di Surgisphere è pubblicamente visibile nella parte inferiore della pagina.

Esiti chirurgici Collaborative non ha quasi una cronologia di Internet e la pagina non viene visualizzata nell’Archivio Internet fino al 2019, in cui reindirizza alla pagina Web per gli esiti vascolari.

Una ricerca di https://vascularoutcomes.com nell’archivio Internet restituisce un’istantanea a partire da dicembre 2019. L’istantanea mostra una pagina web che è in gran parte simile a quella di Surgical Outcomes Collaborative e non include dettagli su un team o ricerche pubblicate.

Allo stesso modo, Quartz Clinical, un’altra branca dell’analisi dei dati sanitari di Surgisphere, sembra essere priva di ricerche pubblicate e senza un team pubblicamente visibile.

Ciascuna delle pagine Web della società sopra fornisce un collegamento LinkedIn. Invece di mostrare i profili dell’azienda con i precedenti, tuttavia, i collegamenti sono tutti diretti al profilo di una sola persona, il dott. Sapan Desai.

L’intera descrizione della vicenda è scritta su questo sito web; consiglio leggerla con molta attenzione.

Fonte testata giornalistica inchiesta