La CIA apre il profilo su Instagram per “risvegliare la curiosità” delle persone

CIA

Tempo di lettura: 2 minuti

La degli Stati Uniti (CIA) ha pubblicato giovedì un profilo sul , con lo scopo di “risvegliare la curiosità” dei cittadini, secondo quanto riferito da fonti Efe all’istituzione. “Vogliamo suscitare la curiosità degli utenti di riguardo ai molti modi in cui la missione globale della CIA ci porta in luoghi dove gli altri non possono andare a fare cose che gli altri non possono fare”, ha detto il portavoce a Efe. da questa agenzia di , Nicole De Haay.

L’intenzione dell’istituzione è quello di pubblicare nel proprio profilo “storie circa la CIA”, che offrono uno sguardo sulla sua missione e contribuire a reclutare nuovi “talenti”.

Il nuovo profilo ha al momento 3.042 , un’immagine e un singolo messaggio, che recita: “Siamo la prima linea di difesa della Nazione, otteniamo ciò che gli altri non ottengono e andiamo dove gli altri non vanno”.

Nella foto puoi vedere una scrivania, presumibilmente negli uffici dell’agenzia di Langley (Virginia), dove puoi vedere alcuni degli accessori essenziali di qualsiasi spia: valuta, parrucca, impermeabile, mappe e persino un carta d’identità; in questo caso, il primo dell’attuale direttore della CIA, Gina Haspel.

È stato proprio Haspel che ha annunciato il 18 aprile il lancio di questo nuovo profilo durante una conferenza all’Università di Auburn, in Alabama, in cui ha difeso la “trasparenza” di un’istituzione il cui obbligo, in ogni caso, è quello di “proteggere i segreti” “.

In questo senso, de Haay ha scherzato questo giovedì commentando: “Offriremo uno sguardo alla vita nell’agenzia, ma non possiamo promettere selfie da luoghi segreti”.

Questa non è la prima incursione della CIA nei network.

L’agenzia di spionaggio ha un account Twitter da qualche tempo, in cui riporta i suoi pochi eventi pubblici e condivide notizie storiche e immagini di oggetti della collezione che ospita il suo particolare museo.

Inoltre, attraverso l’etichetta #AskMollyHale, uscito all’inizio dello scorso mese di marzo, l’agenzia risponde con un senso dell’umorismo -in alcune delle domande indiscrete che gli utenti di Twitter chiedono.

Fonte: EFE