Kenya, attacco ad avamposto militare statunitense

Tempo di lettura: 1 minuto

L’ Associated , citando un iniziale rapporto della polizia keniota che ha visto la location, ha riferito che aerei americani ed statunitensi sono stati distrutti da un attacco ad opera di somali.

L’attacco è avvenuto alla base, nota come Campo Simba, e al campo di vicino, in genere chiamato semplicemente Manda Bay.

In queste due basi operano truppe statunitensi.

Si rilevano tre morti, un membro del servizio militare americano e due appaltatori.

Fra i velivoli distrutti è incluso un turbo propulsore bimotore segreto de Havilland Dash-8, militare USA, configurato per missioni di , e .

Sono emerse immagini che mostrano quelli che sembrano essere i resti di un Reech di Beechcraft che è stato distrutto e bruciato durante l’attacco, nonché una coppia di veicoli M-ATV resistenti alle mine che molto probabilmente appartengono alle forze statunitensi. Questo potrebbe essere l’aereo che il rapporto della polizia keniota ha descritto come un “Cessna” americano.

Gli appaltatori pilotano un mix di velivoli ad ala fissa ed elicotteri dalla baia di Manda per fornire trasporto, evacuazione delle vittime e supporto per il recupero del personale alle americane e ai loro partner locali in Kenya e nella vicina Somalia, dove combattono forze speciali statunitensi e altre truppe Al Shabaab e addestrando il personale somalo a fare lo stesso.

Almeno un elicottero Bell 412 gestito da appaltatori ha sede lì, che potrebbe essere tra gli elicotteri statunitensi che secondo quanto riferito sarebbero stati distrutti nel raid.

Fonte : africom.mil