[Italia] Ordine di Malta: mercificare i rapporti con titoli e onorificenze

Tempo di lettura: 1 minuto

La storia che vi raccontiamo è realmente accaduta ad una persona che ha fatto parte di un con sede in (quindi con statuto italiano). Molti anni fa questo nostro lettore racconta di esser stato avvicinato da un soggetto che chiameremo X con titoli nobiliari di vario tipo e discendente da vera famiglia nobile; lasceremo a voi riflettere al fine di questo racconto su fatti di cronaca realmente accaduti.

La storia inizia quindi nel 2012, al tempo questo lettore stava passando una crisi familiare ed economica. Questo nobile di origine, Gran Maestro dell’Ordine di Malta, lo nomina Cavaliere di Grazia. In cambio gli chiede di sostenere l’ordine offrendo i suoi servigi.

Così nel tempo che passa il cavaliere di grazia fornisce la sua opera professionale. Il Gran Maestro elargisce dei soldi che servono a investimento nel lavoro del cavaliere di grazia.

Nel momento in cui l’ordine di malta aumenta la sua posizione e credibilità, dotandosi di un consiglio direttivo con ben 12 membri, il cavaliere di grazia chiede al nobile gran maestro se è il caso di ricevere un supporto più sostanzioso a livello economico, nel suo lavoro per l’ordine.

Ed ecco la vera faccia di quel nobile gran maestro dell’Ordine di Malta. Gli rinfaccia tutto ciò che il cavaliere di grazia non ha potuto pagare, come se i suoi servigi erano melma in confronto, identificando la sua proposta (spinta dal bisogno economico) in una “mercificazione dei rapporti”.

Quel cavaliere di grazia si è così chiesto perché il nobile gran maestro gli ha risposto in quel modo, tradendo quei valori di stima e fiducia che aveva riposto in quel nobile gran maestro.

Fine della storia!