Italia, negare il Protocollo di Vigile Attesa per quale motivo?

Condividi nei social net

Reading Time: 1 minute read

In molti dei nostri affezionati utenti si sono chiesti il motivo per il quale è stato impugnato, davanti al Consiglio di Stato, la sentenza del Tar del Lazio sulle cure domiciliari pre ricovero (nota meglio come vicenda “tachipirina e vigile attesa”).

Ci siamo messi in moto e cerca che ti cerca, informa di qua e di là, raccogli notizie, ecco il motivo.

Il vaccino sperimentale (lo sono tutti fino al 2023) può essere autorizzato SOLO SE NON ESISTONO CURE ALTERNATIVE.

Se esistono valide cure il Comitato deve revocare l’autorizzazione, Art.4 Comma 2 ultimo capoverso Regolamento CE 507/2006 del 29 marzo 2006 (https://eur-lex.europa.eu/legal-content/IT/TXT/PDF/…).

Quanto sopra vale anche per l’estero: https://www.fda.gov/media/142749/download .

Quindi, se non avessero fatto ricorso al TAR sul protocollo di cura, dovevano sospendere la ‘terapia’ del vaccino. Salvo smentite, ovviamente.