[Italia] La Tassa Covid-19, ovvero il contributo extra da pagare per servizi acquistati

Tempo di lettura: 1 minuto

Il contributo extra da pagare o definita tassa sta spopolando un pò ovunque in , per chi acquista professionali al pubblico. Si da da un minimo di 2 ad un. massimo di 4 Euro, ma c’è chi applica anche il doppio a secondo del prestigio e della qualità fornita (???).

Ovviamente la tassa covid-19 è inserita negli scontrini. Una tassa che viene applicata dagli esercenti ai loro clienti che, non felici, stanno iniziando a segnalare la situazione alle associazioni dei perché ritengo è una .

La tassa è inserita come un ‘costo’ per finanziare le spese che l’esercente esegue ed inerenti ai dispositivi quali , , eventuali , ecc.

La gravità della situazione è stata registrata presso alcuni centri estetici, sempre in Italia, ove hanno chiesto di acquistare al cliente, un kit composto da ciabattine, mantellina, guanti, gel e due mascherine al prezzo di 10 euro.

Oltre a quanto sopra c’è chi, invece, in modo più furbescamente truffaldino, ha pensato di aumentare le tariffe dei propri servizi; parliamo sempre di centri estetici, parrucchieri, bar (1 tazzina di caffè arriva a costare anche 1.20 Euro, mentre un cappuccino può arrivare a 1.80 Euro).

I cittadino non possono essere vessati da queste truffe illegali; tutt’altra cosa è dare un proprio contributo ‘volontario’ a chi fornisce il servizio.

Quanto sopra è ovviamente , quindi si prefigura il reato di truffa. Gli esercenti sono iscritti a delle associazioni alle quali devono chiedere il per quanto necessario ai dispositivi da utilizzare, ogni giorno. Esistono strumenti giuridici e legali affinché le ‘corporazioni’ preposta si attivino presso gli enti locali ed il governo, per risolvere il problema.

.*.