Italia, Intesa San Paolo invia lettera ai correntisti in merito al coronavirus

Tempo di lettura: 2 minuti

Il timore che l’epidemia da Coronavirus possa avere effetti rilevanti sulla crescita dell’economia globale ha spinto al ribasso – nei giorni scorsi – i listini azionari di tutto il mondo. Questa rapida discesa è stata dettata dall’incertezza sull’evoluzione del contagio e sui tempi di risoluzione di questa emergenza sanitaria.

Non è la prima volta che accadono eventi di questa portata: pensiamo all’attentato terroristico alle Torri Gemelle nel 2001, all’epidemia Sars nel 2002/2003 o al fallimento di Lehman Brothers nel 2008.

La storia dei finanziari ci ha insegnato che queste situazioni hanno determinato forte volatilità e oscillazioni negative nel breve periodo, a cui hanno fatto seguito riprese del ciclo economico che hanno consentito di recuperare il terreno perduto.

Inoltre, in questa specifica situazione dobbiamo tenere in considerazione diversi elementi importanti:

1) le Banche Centrali e i governi di tutto il mondo sono al lavoro per cercare di contenere al massimo gli effetti di rallentamento che necessariamente dovremo attenderci. La Federal Reserve americana ha tagliato i tassi di interesse di mezzo punto il 3 marzo e manovre di stimolo monetario sono attese dalla Banca del Giappone e dalla BCE, per immettere liquidità sui mercati e sostenere la crescita. A questo si aggiungono gli stimoli fiscali previsti dai governi dei principali paesi, per sostenere famiglie e imprese;

2) la correzione delle borse ha, di fatto, già anticipato l’effetto economico sfavorevole e i mercati azionari non sono, ad oggi, sopravvalutati rispetto alle medie storiche.

Non è facile, ma nelle decisioni di investimento è necessario agire sempre con metodo e razionalità, per valutare correttamente rischi e opportunità ed evitare di fare scelte inefficienti o dannose.

Dobbiamo essere consapevoli che costruire e detenere un portafoglio ben diversificato è il primo passo necessario e che occorre altresì poi mantenere l’investimento per l’orizzonte temporale definito, senza lasciarci influenzare dalle oscillazioni dei mercati.

Un’altra strategia fondamentale in momenti di volatilità è l’ingresso graduale sui mercati, grazie al quale si riescono a mediare i prezzi. È un metodo che offre i migliori risultati proprio in fasi di forte volatilità come questa.

Fonte testo : Responsabile Divisione Banca dei Territori

Nota di redazione
La parte pubblicitaria, ovviamente, l’abbiamo eliminata.