[Italia – Covid19 / Fas2] Media Mainstream? La Disinformazione anche con foto fake

Tempo di lettura: 1 minuto

Un quotidiano ben noto, il quale riceve lauti sostegni dal governo italiano con la legge dell’editoria, peraltro anche paladino di inchieste, ma soltanto di parte politica, ha pubblicato una foto per corredare un articolo su una città italiana.

Il fatto non è passato inosservato da parte di chi risiede in quella città facendo notare che la foto pubblicata è palesemente un Fake, quindi una dimostrazione della disinformazione main stream per spaventare l’opinione pubblica.

Si legge, in un post, che l’importanza della prospettiva ha fatto in modo da smascherare questa vergognosa situazione.

La folla fotografata che si accalca su un determinato percorso, fa sembrare, con l’uso di un teleobiettivo, il mancato rispetto la distanza di sicurezza fra le persone.

Ora, qualora ci fosse stato un di persone, in quel specifico luogo, non è degno di essere chiamato giornalismo qualora si cerca nel dare una informazione distorta dei fatti.

Il gioco di prospettiva fotografico, usato per dare percezione dell’assembramento a dismisura, fornisce a chi vede l’immagine, una opinione distorta dei fatti.

Esortiamo i colleghi giornalisti nel evitare simili situazioni poiché danneggiano il lavoro di coloro che, in modo professionale, svolgono questa professione già di per sé difficile e non esente da rischi, com’é accaduto anche in Toscana con minacce, insulti, affermazioni, ricatti, botte, ecc.

La mania di protagonismo da parte di alcuni colleghi a volte sfocia nel ridicolo: questo è uno dei casi.

Video di Byoblu con spiegazioni tecniche ben precise