Italia, Bandiere blu 2010: Inadempienze ambientali e Corte di Giustizia

Tempo di lettura: 1 minuto

Assegnate le bandiere blu 2010. Significa mare pulito (anzitutto) ma anche servizi ecologici. A guidare la classifica c’e’ la Liguria con ben 17 localita’ premiate dalla Federazione per l’educazione ambientale. La notizia ci lascia perplessi perche’ pochi giorni fa la ha deferito l’Italia alla dell’ per violazione della direttiva 91/271/CEE (e’ del 1991, 19 anni fa!) sulle acque reflue (inquinate) (1). In Liguria ci sono ben 19 Comuni e aggregazioni urbane inadempienti, quali: Albenga, , Camisano, , Genova – Pegli, Genova – Ora/Volti, Genova – Sestri Ponente, Genova-Val Polcevera, Genova-Darsena, Quinto, Imperia, La Spezia, Margherita Ligure, Quinto, Rapallo, Recco, Riva Ligure, Sanremo, Sestri Ponente e Ventimiglia. Certo, le localita’ da bandiera blu non sono, nella quasi totalita’, quelle sotto accusa, pero’ c’e’ un caso interessante che riguarda , che ha
contestualmente la bandiera blu e l’accusa per inadempienza alla predisposizione di sistemi adeguati per il convogliamento e il trattamento delle acque urbane. Come la mettiamo?

(1) https://www.aduc.it/comunicato/acque+inquinate+italia+inadempiente+deferita+alla_17507.php

Primo Mastrantoni, segretario Aduc