Iran afferma di aver arrestato un giornalista in esilio

Tempo di lettura: 1 minuto

La Guardia rivoluzionaria iraniana afferma di aver arrestato un giornalista in esilio che ha contribuito ad alimentare le fiamme delle proteste economiche a livello nazionale che hanno colpito il paese alla fine del 2017.

Il giornalista è il figlio del religioso sciita Mohammad Ali Zam, un riformista che una volta prestò servizio in una posizione di governo nei primi anni ’80. Il chierico scrisse una lettera pubblicata dai media iraniani nel luglio 2017 in cui affermava che non avrebbe sostenuto suo figlio per i rapporti e i messaggi di AmadNews sul suo canale Telegram.

Una dichiarazione rilasciata dalla Guardia Rivoluzionaria non spiegava come le autorità detenessero Ruhollah Zam, che gestiva un sito web chiamato AmadNews che pubblicava video e informazioni imbarazzanti sui funzionari iraniani. Aveva vissuto e lavorato in esilio a Parigi. Diceva che Zam era “guidato nel paese” prima dell’arresto.

Un annuncio sulla televisione di stato ha definito Zam una “preda speciale”. Diceva che la sua detenzione era una vittoria del dipartimento di della Guardia sui servizi occidentali.

Il rapporto descriveva Zam come il capo della rete di guerra psicologica dei nemici dell’. La Guardia rivoluzionaria ha affermato che Zam era supportato dai servizi di intelligence degli Stati Uniti, della Francia e di Israele, cosa che ha negato.

Un canale gestito da Telegram ha diffuso messaggi sulle imminenti proteste del 2017 e ha condiviso video delle dimostrazioni, avvenute in circa 75 città e paesi. Mentre le proteste alla fine si sono fermate, l’economia iraniana è peggiorata dopo che il presidente Donald Trump ha ritirato unilateralmente l’America dall’accordo nucleare iraniano e imposto sanzioni paralizzanti alla sua industria petrolifera.

Telegram ha chiuso il canale per lamentele del governo iraniano, diffondendo informazioni su come costruire bombe a benzina. Il canale in seguito ha continuato con un nome diverso.

Fonte
thenational.ae