Infiniti punta sul suo futuro con un sistema ibrido

Tempo di lettura: 2 minuti

Infiniti ha dichiarato che offrirà un propulsore ibrido o completamente elettrico su tutti i modelli entro il 2021, ma non ha aggiunto altri dettagli. Ora, il marchio di lusso ha rivelato che gli costituiranno la maggior parte della sua gamma elettrificata, ma con un design a propulsione che si basa più sull’ che sulla benzina.

I futuri ibridi Infiniti non avranno trasmissioni e i loro motori a benzina verranno utilizzati solo come generatori. Invece di alimentare direttamente le ruote, produrranno elettricità per una coppia di motori elettrici, uno per ciascun asse, consentendo la . Come con tutti gli altri ibridi attuali, un pacco batteria immagazzinerà abbastanza elettricità per il funzionamento completamente elettrico.

Infiniti non ha riferito se trattasi di una versione plug-in di questo gruppo propulsore, quindi il motore a benzina sarà l’unico modo per caricare la batteria.

Il gruppo propulsore si basa sul sistema e-Power di Nissan, praticamente il genitore Infiniti, che è già utilizzato nelle auto di piccole dimensioni per il mercato giapponese.

Questo vuol dire che si tratta di una configurazione “ibrida in serie”, al contrario delle configurazioni “ parallele” che utilizzano un motore a combustione interna per alimentare direttamente le ruote.

Un ‘ibrido di serie’ offre un grande vantaggio in termini di consumo di carburante: il motore può funzionare a una velocità più costante, anziché dover aumentare o ridurre drasticamente i giri per adattarsi alla velocità della ruota. Ciò dovrebbe aumentare il chilometraggio del gas.

Tuttavia i sistemi ibridi di serie non sono molto comuni. La i3 REx e Karma Revero sono le uniche due attualmente in vendita e sono modelli di lusso a basso volume. Il loro costo è molto elevato ed hanno molti problemi, come riferiscono alcuni dei loro proprietari.

La Chevrolet Volt doveva essere un ibrido di serie, ma Chevy finì per aggiungere una modalità ibrida parallela che consentiva al motore di guidare direttamente le ruote in determinate situazioni. Anche l’attuale sistema ibrido di Honda si avvicina, ma a volte abbina ancora il motore alle ruote.

Infiniti non prevede di usare la parola “ibrido”. I comunicati non contengono queste parole, ma “EV generato dal gas” (???). Infiniti ha testato “ibrido” con gli acquirenti di auto americane e si è scoperto come percepito negativamente.

Eric Rigaux, direttore generale globale di Infiniti per la strategia e la pianificazione del prodotto, lo ha anche dichiarato in un’intervista a Green Car Reports.

Infiniti corre il rischio di confondere i potenziali clienti, come ha fatto la con la sua pubblicità confusa per la Chevy Volt.

Qualunque cosa finiscano per essere chiamati, i modelli ibridi Infiniti verranno lanciati a partire dal 2021, secondo Green Car Reports.