[India] Volkswagen/Skoda, Il nuovo business: produrre scudi in plastica per il viso

Tempo di lettura: 2 minuti

Skoda Auto sta realizzando per il viso nello di Chakan (India). La nuova di è una grave minaccia e viene fatto ogni sforzo per contenere la diffusione del virus.

Il virus COVID-19 ha anche rivelato quanto il nostro sistema sanitario sia sottosviluppato e necessita di maggiore attenzione e impegno da parte di tutti gli ambiti.

Facendo tutto il possibile per salvaguardare la dei professionisti , Skoda Auto Volkswagen ha iniziato a produrre schermi facciali nel suo stabilimento di Chakan vicino a Pune.

La ha condiviso le immagini degli schermi facciali realizzati in loco e anche del prodotto finale che protegge gli operatori sanitari dai infetti.

La visiera è stata progettata per impedire alle goccioline di entrare in contatto con la faccia del personale, mentre il design è leggero e previene l’appannamento.

Le protezioni per il viso sono leggere, hanno un ottimo appannamento e possono essere riutilizzate.

Gli schermi facciali sono riutilizzabili e possono essere indossati per 6-8 ore di fila prima di essere disinfettati e riutilizzati.

L’azienda produce anche maschere che sono state approvate dal preside e dal personale dell’ICU presso il Sassoon General Hospital. Inoltre, la casa automobilistica donerà 35.000 disinfettanti agli ospedali di Mumbai, Pune e Aurangabad. Ha anche collaborato con le ONG di Aurangabad per distribuire 50.000 pacchetti alimentari.

Inoltre, Skoda Auto Volkswagen ha anche promesso 1 milione di dollari come aiuto finanziario per una struttura dedicata che sarà in grado di ospitare fino a 1.100 pazienti con coronavirus e che sarà stabilita con il Sassoon General Hospital di Pune.

Nel frattempo, il contributo finanziario sarà utilizzato per ottenere kit di di protezione individuale e materiali di consumo medici per gli operatori sanitari.

Leggi anche: pandemia di coronavirus: Mercedes-Benz India stabilirà un ospedale temporaneo a Pune

Il colosso automobilistico europeo ha anche affermato che, se necessario, importerà in India le forniture mediche necessarie.