India, affare Aramco da 15 miliardi di dollari

Tempo di lettura: 3 minuti

Reliance Industries Ltd (RIL) sta vendendo una quota del 20% dei prodotti chimici di punta dell’azienda e raffinando le con la Saudi Aramco in un accordo del valore di $ 15 miliardi, poiché la società indiana cerca di ridurre il suo enorme debito e garantire un approvvigionamento garantito di alle sue raffinerie.

Il presidente Mukesh Ambani , l’uomo più ricco dell’Asia, ha annunciato l’operazione proposta alla 42a riunione generale annuale della società lunedì, sebbene i termini dell’accordo non siano stati finalizzati.

L’accordo, che valorizza il business petrolchimico (O2C) a $ 75 miliardi, fa parte di un piano per rendere la RIL una società a debito zero nei prossimi 18 mesi, ha detto Ambani in un discorso alla riunione annuale.

“La Saudi Aramco investirà in Reliance per una quota del 20% nella divisione petrolchimica per un valore aziendale di $ 75 miliardi per la divisione O2C, che verrà scissa in una controllata separata nei prossimi cinque anni”, ha detto Ambani agli azionisti.

Oltre alla cessione della partecipazione ad Aramco, RIL raccoglierà $ 1 miliardo da BP Plc, che acquisirà una partecipazione del 49% nel settore della vendita al dettaglio di RIL per un crollo di Rs.7000, ha affermato Ambani.

Gli investimenti sono soggetti a due diligence, accordi definitivi, normative e altre approvazioni, ha affermato Ambani, aggiungendo che la partnership di Saudi Aramco coprirà tutte le attività di raffinazione e petrolchimica di RIL, compresa la sua quota del 51% nella joint venture di vendita al dettaglio di con BP.

RIL e BP hanno annunciato una joint venture per aprire una rete nazionale di punti vendita al dettaglio di carburante la scorsa settimana.

Ambani punta a ridurre il debito in mongolfiera di RIL dopo aver speso fino a $ 50 miliardi per spingere la sua attività di telecomunicazione nella posizione più alta in India entro tre anni dall’inizio delle operazioni, superando Bharti Airtel Ltd e Vodafone Idea Ltd.

Come parte dell’accordo proposto, Saudi Aramco fornirà anche a lungo termine 500.000 di petrolio greggio alla raffineria di Jamnagar della RIL.

Saudi Aramco, la compagnia più redditizia al mondo, controlla le riserve di greggio al secondo posto nel mondo per oltre 270 miliardi di barili e la partnership farà molto per isolare il RIL da eventuali shock petroliferi futuri e volatilità dei prezzi del greggio esperti del settore.

“Questo accordo potrebbe non solo garantire una fornitura continua di petrolio greggio alle raffinerie gemelle di RIL, ma anche apportare vantaggi in termini di prezzi e dare un cuscinetto RIL dall’incerto mercato globale del greggio”, ha detto un analista con una mediazione domestica a condizione di anonimato.

“Per l’Arabia Saudita, questo accordo offre un punto d’appoggio molto ricercato in India, il terzo consumatore di greggio al mondo”.

L’accordo proposto, una volta completato, dovrebbe migliorare significativamente il profilo del debito di RIL.

Le passività finanziarie totali della società sono salite a $ 65 miliardi al 31 marzo da $ 19 miliardi a fine marzo 2015, con un conseguente aumento del costo degli interessi da quasi quattro volte a $ 4 miliardi durante il periodo.

“Questo programma per perseguire in modo aggressivo la riduzione dell’indebitamento nelle imprese ed emergere come società zerodebt nei prossimi 18 mesi rafforzerà il bilancio consolidato portando a una forte rivalutazione delle azioni”, ha dichiarato Ajay Bodke, amministratore delegato dei servizi di gestione del portafoglio di Prabhudas Lilladher .

RIL ha sviluppato una strategia petrolchimica per trasformare la raffineria di Jamnagar da un produttore di carburanti a prodotti chimici, facendo salire la catena del valore.

L’indice di complessità della raffineria integrata Jamnagar di Reliance Industries è stato aumentato a 21,1 (da 12,7 nel 2016) dopo la messa in servizio di vari progetti integrati e gassificatori di petcoke.

“Gli obiettivi sono preservare e migliorare i margini delle raffinerie esistenti, massimizzando al contempo l’utilizzo delle risorse, per un costo competitivo sostenibile delle ”, ha affermato RIL nel suo rapporto annuale 2018-19.

Alla fine, la società desidera ottenere una conversione superiore al 70% del greggio raffinato in Jamnagar in blocchi chimici competitivi di olefine e aromatici.

Fonte