[Indagine Giornalistica] Le mascherine da usare nello Sport

Tempo di lettura: 2 minuti

Le mascherine, nello specifico, sono utili per proteggere le vie respiratorie, impedendo o limitando l’ingresso di particelle aerodisperse nocive, a seconda del tipo di barriera filtrante di cui si compongono.

E’ consigliabile seguire alcune regole fondamentali per poter utilizzare al meglio la propria mascherina.

Qui di seguito elenchiamo quelle più importanti:

Prendere gli elastici e portarli dietro le orecchie,

Tenere coperte sempre le parti interessate, quali mento bocca e naso,

Verificare la tenuta della mascherina prima del suo utilizzo,

Ricordare sempre di detergere e disinfettare le proprie mani prima e dopo aver gestito la propria mascherina.

Per tutte le altre informazioni riguardanti la protezione e la prevenzione da Coronavirus, vi consigliamo di consultare il sito del Ministero della Salute / Interno / Ufficio Sport / Governo.

Stiamo leggendo in giro su bolg e riviste di sport, compreso, delle assurdità.

E’ vero che una mascherina con specifici si deteriorino con caldo e umidità? Si, ovvio, se non le inserisci in una busta di plastica per proteggerle.

La mascherina chirurgica è inadatta all’attività sportiva? NO.

La mascherina chirurgica agevola la respirazione mentre corro o svolgo ? NO. Si consiglia NON indossarla mentre pedaliamo e corriamo, per un problema di retro-respirazione che aumenta per l’elevata ritmità.

Chiunque sta raccomandando di indossare la mascherina SEMPRE mentre pedaliamo o corriamo, sta dicendo il falso? SI!

Una mascherina chirurgica è da mettere nella tasca di una maglietta sudata? NO. In una giornata calda e umida non è logicamente poi da usare ed inoltre aumentate la carica ‘batterica’ dannosa alle vie respiratorie. La soluzione è inserire la mascherina, non ancora utilizzata, in una busta di plastica.

Diverse aziende del settore sportivo si sono indirizzate a produrre mascherine, realizzate con materiali tecnici, tutte lavabili. Queste mascherine NON sono e, di conseguenza, non ci proteggono dal contagio dei (virus).

Se volete fare i ‘fighi’ e far guadagnare aziende che ‘speculano’ sulle mascherine, identificandole come sportive, i costi sono esorbitanti e variano da minimo 8/9 Euro sino ad oltre 60 Euro. Vale spendere questi soldi, quando una mascherina chirurgica costa 50 centesimi e vanno benissimo? A voi la scelta!

Qualche produttore di mascherine sportive fornisce anche delle proprie indicazioni, che cambiano a seconda dei materiali utilizzati, per i lavaggi: si va da 60° a 90° (???).
Pensate che un capo tecnico di consueto si lava a 30°…che fine farà il tessuto a 60 o 90° ? A voi scoprirlo!

Soluzione alternativa? La mascherina può essere vaporizzata/nebulizzata con soluzione di acqua e denaturato 90° o etilico? Ci sono pareri contrastanti.

In qualsiasi caso esponetela al sole in modo che i raggi UV uccidono qualsiasi batterio e virus.

Controllate inoltre gli ingredienti perché ve ne sono anche di tossici.

Attenzione: La mascherina va gettata nel differenziato.

In merito all’emergenza Coronavirus, è bene ricordare che l’uso delle mascherine di protezione deve necessariamente accompagnarsi alle norme igieniche di base, come: lavarsi le mani prima e dopo aver manovrato la mascherina (prima di indossarla, prima di toglierla e dopo averla tolta).

.:.

Note di Approfondimento

1) Autocertificazione-cose-ed-a-cosa-serve