[Inchiesta Giornalistica] Riva – registro Italiano Veicoli Amatoriali

Tempo di lettura: 2 minuti

La curiosità giornalistica è ovviamente aumentata ed è scattata la “inchiesta”. Girando il sito leggiamo che ne fanno parte, fra i club associati, sia quello Mercedes ufficiale che quello non ufficiale, anche se entrambi hanno nome e stella a tre punte. A parte questo anche se l’affiliazione dei club è gratis, però ai fini pratici, cioé al singolo proprietario di SLK che ha la vettura immatricolata per esempio nel 1997, che cosa riceve come vantaggio? A quanto si legge il tutto è inerente alla RC Auto. Noi siccome siamo un pò scettici, se non fosse altro per il che svolgiamo, giornalisticamente parlando, abbiamo cercato di capire più a fondo. Ebbene, il club si affilia al RIVA, il quale chiarisce subito che non è un broker assicurativo né un’agenzia. Nel contempo forniscono due tipi di partnership, entrambi svolgono attività assicurativa. La nostra curiosità è aumentata ancor di più. Quindi, il registro è una bella idea, non c’è nulla da dire. Un modo per avere senza molta fatica i nomi di proprietari, nel nostro caso slk, quindi potenziali clienti da inviare ai loro partner con i quali hanno convenzioni assicurative. E qui per noi casca l’asino, in che senso ? Noi riteniamo che l’unico ente ufficiale che può certificare un veicolo storico si chiama ASI, cioé Automotoclub Storico Italiano. Cosa vuol dire ? Semplicemente che le slk del 1996 non lo sono. Quindi, cari slkisti, mettetevi l’animo in pace ed aspettate che la slk del 1996 diventi certificabile ASI. Il fatto che la Mercedes-Benz Italia (il registro) è affiliato al RIVA e propone la iscrizione delle vetture al RIVA, bisogna chiedersi se questo serve effettivamente a qualcosa, poiché è ben chiaro ed evidente a tutti che non abbiamo una vettura storica. .’. Note di approfondimento 1) https://archivio.fuoristrada.it/messages/18477/556105.html 2) https://www.porschemania.it/discus/messages/815/558007.html?1302775447]]>